Una ricerca ha evidenziato come a Londra vivano 875 mila persone con ricchezza complessiva sopra il milione. Superata New York. Pesa il valore degli immobili.

Londra batte New York. E’ questo il “titolo” che si può dare alla ricerca condotta da Knight Frank, società di consulenza immobiliare, secondo cui nella capitale britannica ci sarebbero più milionari che nella metropoli statunitense.

Londra vs New York

In pratica, la ricerca rileva che 875.000 milionari sono residenti nella città del sindaco Sadiq Khan contro gli 820.000 che vivono in quella amministrata da Bill de Blasio. Il valore a riferimento riguarda la proprietà di beni, compresi quelli immobiliari, superiore al milione. Nonostante, quindi, i contraccolpi della Brexit e gli effetti del Covid, Londra per il momento tiene la barra dritta per quanto riguarda la concentrazione di ricchi e super ricchi tra i suoi abitanti.

Brexit
Brexit

Il valore degli immobili

La ricerca sottolinea come sul dato che “premia” Londra pesi il valore medio – molto elevato – degli immobili di proprietà londinese, mantenutisi abbastanza alti. Il prezzo medio degli alloggi nella città britannica è pari a 514 mila sterline: “Questo è il motore principale per classificare così tante famiglie come ricche“, dice Liam Bailey, responsabile globale della ricerca di Knight Frank.

Pregi e difetti

Londra è stata anche nominata la città preferita dai ricchi per lo stile di vita che offre, con ristoranti stellati Michelin, teatri d’opera e teatri, università, sport e strutture per lo shopping. La capitale avrebbe richiamato molti cittadini ricchi di Hong Kong, preoccupati per le repressioni cinesi sull’ex colonia. A fare da contraltare, l’ulteriore crescita della disparità e delle disuguaglianze sociali in riva al Tamigi, con il 28% di persone (2,5 milioni circa) indicati entro la soglia di povertà calcolata secondo i parametri del Paese.


Alitalia, stipendi di febbraio in ritardo. Il Mise chiede un incontro urgente a Mef e Mit

Borse 24 febbraio, mercati Ue ritornano in positivo. In salita lo spread