Emergenza coronavirus, più di mille cittadini presentano una querela nei confronti del governo Conte per la presunta incostituzionalità dei Dpcm.

Più di mille cittadini coordinati dall’Avvocato Edoardo Polacco di Roma hanno depositato una querela nei confronti del governo Conte per quanto riguarda i decreti Legge e i Dpcm, ritenuti illegittimi e incostituzionali.

Caos Dpcm, più di mille cittadini presentano una querela contro il governo Conte

L’annuncio arriva dalla pagina Facebook del legale che ha evidenziato l’importanza dell’azione giudiziaria, che sarebbe la più imponente della storia dell’Italia.

Hanno aderito all’iniziativa legale più di mille persone di diversi Comuni italiani, da Nord a Sud.

La querela mette nel mirino i provvedimenti del governo attraverso i Dpcm, considerati incostituzionali.

La questione costituzionalità ha aperto un dibattito che ha infiammato il mondo della politica e quello dell’opinione pubblica al punto che lo stesso premier Giuseppe Conte ha affrontato il tema in occasione dell’informativa alla Camera del 30 aprile.

Giuseppe Conte
Fonte foto: https://www.facebook.com/GiuseppeConte64/

La posizione di Conte sui Dpcm

Sulla questione costituzionalità dei Dpcm è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in occasione dell’informativa alla Camera.

Sono ben consapevole della responsabilità che mi sono assunto ogni volta che ho posto la firma su un atto dagli effetti cosi’ incisivi. Ma ho sempre avvertito la piena consapevolezza di agire in scienza e coscienza per la tutela di un bene primario assoluto rispetto al quale altri diritti non possono recedere. Avverto, anche da giurista, come profondamente ingiusta l’accusa di aver compresso le libertà fondamentali“, ha dichiarato il Presidente del Consiglio in occasione dell’informativa.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Vaccino Oxford-Pomezia, positiva la sperimentazione sulle scimmie. Entro maggio test sull’uomo

Banca Popolare di Bari, sequestrati 16 milioni agli ex vertici. Gianluca Jacobini indagato