Minacce ad un agente di Polizia Locale a Genova, motociclista 28enne denunciato

Minacce ad un agente della polizia locale di genova e a sua madre da parte di un motociclista 28enne, secondo l’uomo i due gli stavano bloccando la strada.

GENOVA – Minacce ad un agente di Polizia Locale e a sua la madre, a Genova, mentre erano in giro per la spesa da parte di un 28enne. L’agente era in borghese e stava accompagnando la madre a fare la spesa.

I due stavano caricando la spesa in auto e il 28enne, arrivato in moto, li ha accusati di bloccargli il passaggio e ha iniziato ad insultarli e minacciarli, estraendo addirittura un coltello.

Minacce ad un agente della polizia locale di Genova

Il tutto è accaduto il 3 giugno 2019, mentre l’agente era tranquillamente in giro con la madre a fare un po’ di spesa. Il 28enne si sarebbe scagliato contro i due perchè, a suo dire, stavano bloccando il suo passaggio con la moto.

Polizia locale
Polizia locale

Il motociclista, un genovese, ha iniziato prima ad inveire contro i due, ma alle richieste dell’agente di calmarsi non ci ha visto più. Il 28enne, quindi, ha parcheggiato la moto, ha estratto un coltello a serramanico e si è diretto verso i due.

In quel momento l’agente si è identificato, cosa che ha fatto fuggire subito il criminale. Una fuga inutile, visto che l’agente è riuscito a registrare la targa della moto dell’uomo e le autorità competenti sono riuscite a risalire all’identità del motociclista genovese.

La perquisizione in casa del motociclista

Dopo l’evento, l’autorità giudiziaria di Genova ha disposto una perquisizione del domicilio dell’uomo, l’abitazione della sua compagna, a seguito delle accuse di porto abusivo di armi e minacce aggravate. Operazione che è stata effettuata il 5 giugno 2019, quando alcuni agenti hanno raggiunto il domicilio, trovando anche il 28enne.

L’uomo ha ceduto volontariamente il coltello a serramanico utilizzato per le minacce, ma gli agenti hanno trovato molto di più durante la perquisizione. Un coltello a scatto di 15 cm, un coltello di 29 cm, altri due coltelli pieghevoli tra i 40 e i 50 cm, una balestra, una maschera antigas e delle pallottole.

La compagna dell’uomo ha dichiarato che tutti quegli oggetti appartenevano ad un suo parente. Si tratterebbe di eredità, balestra a parte. Gli agenti dovranno verificare se la storia è vera e se gli oggetti, come prescritto dalla legge, sono stati dichiarati.

Intanto, dopo la perquisizione, l’uomo è stato denunciato per porto abusivo e reiterato di armi e per minacce aggravate.

Fonte dell’immagine di copertina: https://pixabay.com/it/photos/motociclista-moto-corsa-veicolo-407123/

ultimo aggiornamento: 06-06-2019

X