La sindaca di Torino, Chiara Appendino, ha ricevuto una lettere di minacce: “Sappiamo dove vivi con la tua famiglia, dormi molto preoccupata”.

TORINO – Non è un periodo semplice per la sindaca di Torino, Chiara Appendino. Come documentato sulla propria pagina Facebook, l’esponente del M5s nella mattinata di sabato 3 novembre ha ricevuto una lettera di minacce: “B****** cagna juventina, tu e la tua setta di pazzoidi e falliti 5 stelle avete ucciso Torino. Adesso devi morire, sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia. Dormi molto preoccupata m****“.

Chiara Appendino
fonte foto https://twitter.com/notiveri

Chiara Appendino minacciata, la sindaca annuncia la querela

La foto pubblicata sulla propria pagina Facebook è accompagnata da una breve dichiarazione da parte di Chiara Appendino che ha annunciato la querela, con gli inquirenti che sono al lavoro per cercare di individuare i responsabili che hanno scritto questa lettera.

Un periodo sicuramente non semplice per la sindaca di Torino che nei giorni scorsi si è chiaramente opposta sulla questione TAV, con il no da parte suo e della maggioranza. Da capire se si è trattato di qualche persona a favore della Lione-Torino, oppure le minacce sono rivolte alla sua attività politica in generale.

Chiara Appendino nel suo post ha confermato la sua intenzione di andare avanti senza paura. Saranno settimane fondamentali per la maggioranza torinese visto che a breve è attesa la risposta del governo sull’alta velocità. La strada sembra essere quella del no ma la conferma ufficiale dovrebbe arrivare prima di Natale. Lettera di minaccia per la sindaca di Torino che non ha voglia di fare un passo indietro.

Di seguito il post pubblicato da Chiara Appendino

https://www.facebook.com/chiaraappendinosindaca/posts/2186581664685771

fonte foto copertina https://www.facebook.com/chiaraappendinosindaca/

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Chiara Appendino minacce politica Tav torino

ultimo aggiornamento: 03-11-2018


La proposta del Viminale: biglietto d’ingresso per visitare le chiese

Prescrizione, Bongiorno: “Non blocchiamola”. Bonafede: “Avanti con la riforma”