Evacuato il Ministero della Giustizia, forse per un principio di incendio. Sul posto Polizia e Vigili del Fuoco. Non si segnalano feriti.

Il Ministero della Giustizia è stato evacuato per un incendio segnalato ai dipendenti e al personale intorno alle 23.00 del 28 agosto dall’allarme improvviso. A far scattare i sistemi di segnalazione del pericolo è stato un guasto in una cabina elettrica che ha causato un principio di incendio nel seminterrato del Ministero.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Evacuato il Ministero della Giustizia

In seguito all’allarme, i dipendenti del Ministero sono stati fatti evacuare per motivi di sicurezza in attesa di capire la natura dell’incidente. L’allarme è scattato per un principio di incendio in una stanza nel seminterrato.

Vigili del Fuoco
Fonte foto: https://www.facebook.com/vigilidelfuocolafanpage

Le cause dell’incendio

Nel corso delle ore è arrivata la conferma del fatto che nel Ministero della Giustizia sia divampato un incendio.

Sul posto sono arrivati gli uomini della polizia e poi quelli dei Vigili del Fuoco che hanno messo in sicurezza l’edificio situato in via Arenula (Roma) e le vie adiacenti per motivi precauzionali.

L’incendio, o meglio il principio di incendio è stato causato da un guasto a una cabina elettrica. Le fiamme sono state contenute e poi domate dai vigili del fuoco.

Il bilancio

Stando a quanto appreso dalla redazione, non si registrano feriti o danni ingenti alla struttura. La situazione è tornata alla normalità in poco tempo e solo l’ala dell’edificio interessata dalle fiamme è stata interdetta per motivi di sicurezza e in via precauzionale. Gli uffici sono stati regolarmente aperti nella giornata del 29 agosto.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-08-2019


Migranti, Salvini firma il divieto di ingresso per la Mare Jonio

Migranti, il Viminale autorizza lo sbarco di donne, bambini e malati