Il ministro Franco all’Ansa: “Gli indicatori sull’andamento dell’economia sono tutti i positivi”.

ROMA – Intervenuto ai microfoni dell’Ansa, il ministro Franco ha fatto il punto sull’andamento dell’economia italiana: “Gli indicatori sono tutti positivi dopo un primo trimestre in negativo e ci aspettiamo un secondo trimestre in crescita. Una ripresa destinata ad accentuarsi nel terzo e nel quarto. Un quadro che dovrebbe essere coerente con la previsione del Def in aprile di un +4,5%”.

Tuttavia – ha aggiunto – se l’uscita dalla pandemia sarà rapida e le riaperture si consolideranno, il Pil potrebbe avere una crescita leggermente superiore a quella prevista“.

Franco: “Nel G20 proveremo a trovare un accordo sulle multinazionali”

Il ministro Franco ha assicurato che “come presidenza italiana del G20 di muoviamo nella direzione decisa dagli Stati Uniti sulle multinazionali (aliquota al 15%) e puntiamo a raggiungere un accordo nella riunione ministeriale di luglio che fisserà le grandi linee di questi due pilastri che poi saranno declinati più in dettaglio“.

Bisogna essere consapevoli – ha aggiunto il titolare del Mef – che Paesi europei e non potrebbero muoversi in altri modi, ma la decisione degli Stati Uniti è molto importante e proveremo a muoverci in questa direzione anche noi […]“.

Soldi euro
Soldi euro

Franco: “La ripresa mondiale sta riavvandosi”

Il titolare del Mef ha parlato di “una ripresa mondiale che si sta riavviando ma ha elementi di fragilità soprattutto perché l’evoluzione della pandemia è ancora incerta: vediamo nel nostro Paese elementi positivi, ma qualche incertezza resta ancora anche perché la pandemia si muove a ritmi diversi“.

Come G20 – ha concluso – siamo convinti che si deve evitare qualsiasi interruzione prematura delle politiche di sostegno. E’ un consenso molto ampio che differenzia la gestione di questa crisi dalle precedenti. La pandemia, inoltre, ha accresciuto le disuguaglianze fra Paesi e dentro i Paesi. E per questo motivo come G20 ci siamo attivati per ridurre tutti i fattori di diseguaglianza“.


La comunicazione dell’Inps al morto: “È deceduto ma può recarsi nei nostri uffici”

Imu 2021, scadenza, esenzioni e come pagare