Il ministro Orlando sulla questione Alitalia: “Pronti a sottoporre la norma sugli ammortizzatori sociali ai sindacati”.

ROMA – Il ministro Orlando è ritornato sulla questione Alitalia. “La trattativa per l’ex compagnia di bandiera – ha detto il titolare del Lavoro riportato dall’Ansa la conduce Ita, la norma sugli ammortizzatori sociali è pronta e la sottoporremo all’incontro con i sindacati“.

Le trattative, quindi, proseguiranno nei prossimi giorni per provare ad arrivare ad un accordo. Intanto si avvicina sempre di più l’addio di Alitalia e la partenza di Ita.

I commissari: “Un altro anno di cassa integrazione”

Le trattative proseguono e i commissari di Alitalia in una lettera inviata allo stesso ministro Orlando e al Mise hanno chiesto un prolungamento della cassa integrazione per più di un anno, legando a questa scelta la durata del priamo industriale di Ita.

Riteniamo opportuno e doveroso segnalare a codesti Ministeri – si legge nella missiva – l’opportunità di valutare la percorribilità di una estensione dell’ammortizzatore sociale oltre i 12 mesi consentiti. E per questo proponiamo di legare la durata della prossima Cigs alla durata del primo piano industriale di Ita“.

Alitalia
Alitalia

Ultimi giorni di ‘vita’ per Alitalia

Alitalia si prepara a salutare definitivamente il mondo dei voli. Il 15 ottobre, infatti, si abbasseranno definitivamente le saracinesche dell’ex compagnia di bandiera, con Ita destinata a prendere il suo posto. I dubbi sono diversi su questa partenza iniziando dal fatto che, al momento, non c’è un accordo tra azienda e sindacati sui dipendenti.

I timori di un inizio in salita sono reali, ma si spera nei prossimi gironi di poter chiudere definitivamente la partita e poi cercare nei prossimi mesi di trovare un accordo definitivo. Su questo tema il Governo, al momento, non ha preso posizione anche se sul tavolo del Mise c’è la questione Ita e non si esclude a breve una convocazione dell’azienda.

ultimo aggiornamento: 28-09-2021


Borse 28 settembre, mercati in difficoltà: persi 215 miliardi

Bollette, da venerdì scattano gli aumenti: quanto pagheremo in più