Nuova missione nello spazio per la Crew Dragon. A bordo Thomas Pesquet, primo astronauta europeo a volare su una navetta privata.

ROMA – Nuova missione nello spazio per la Crew Dragon. A distanza di diversi mesi dalla prima, la Space X è stata lanciata dal Kennedy Space Center, a Cape Canevaral, per portata alla Stazione Spaziale Internazionale quattro astronauti esperti.

Si tratta di Shane Kimbrough, al comando, Megan McArthur, pilota, Akhiko Hoshide e il francese Thomas Pesquet. Un viaggio storico per il transalpino visto che prima di lui mai nessun europeo aveva viaggiato con una navetta spaziale.

La missione Crew 2

Si tratta di una missione organizzata da tempo e con diverse novità. Per la prima volta, infatti, gli astronauti hanno viaggiato su una navetta giù utilizzata. La Crew Dragon, infatti, è la stessa del primo viaggio di Douglas Hurley e Robert Behnken.

Inoltre, come detto, per la prima volta un astronauta europeo vola con un veicolo commerciale e privato. Una missione di sei mesi per il transalpino che continuerà il progetto Alpha. Con lui nella Stazione Spaziale Internazionale sono arrivati anche gli astronauti della Nasa Robert Shane Kimbrough (il comandante di questa missione) e Megan McArthru, pilota, e l’astronauta giapponese Akhiko Hoshide. Il nipponico diventerà il comandante dell’equipaggio Expedition 65 della Stazione Spaziale.

Spazio
Spazio

L’ultima missione di aprile

L’arrivo dei quattro astronauti è l’ultimo per il mese di aprile. Nei giorni scorsi, infatti, altre navette sono arrivate nella Stazione Spaziale Internazionale per le loro missioni. Una Iss molto affollata anche se nei prossimi giorni la stessa Space X è attesa sulla terra con Michael Hopkin, Victor Glover, Shannon Walker e Soichi Noguchi, ormai agli ultimi giorni della loro esperienza nello spazio.

Sia la Nasa che l’Agenzia Spaziale Europea sono al lavoro per altre missioni nei prossimi mesi e nel 2022 toccherà anche Samantha Cristoforetti.


Riaperture, “Mancanza di coesione e ignoranza dell’evidenza scientifica spalancano le porte a nuova ondata”

Una dose di vaccino Pfizer o AstraZeneca riduce il rischio di contagio di quasi due terzi