Il mistero della data di nascita di Kaku Kanga. Il giocatore dello Stella Rossa risulta nato 4 anni dopo la morte della madre.

ROMA – Il mistero della data di nascita Kaku Kanga. Come riferito dai media internazionali, il giocatore dello Stella Rossa risulta essere nato 4 anni dopo la morte della madre. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e la Federazione del Congo ha aperto un’indagine per verificare meglio l’accaduto e provare a capire se si è trattata di una decisione presa dal calciatore oppure c’è il coinvolgimento di qualche squadra.

Il rischio è una squalifica nei confronti dei giocatori e il divieto alla partecipazione alla prossima Coppa d’Africa del Gabon.

Il mistero

Il mistero è stato evidenziato da diversi quotidiani internazionali. Sulla carta d’identità del giocatore c’è scritta la data di nascita dell’1 settembre 1990 in Gabon, ma secondo alcune indiscrezioni la madre sarebbe morta quattro anni prima. Come riferito da Leggo che cita un giornale brasiliano, la reale identità del calciatore è Kiaku Kiaku Kiangana, nato nel 1985 a Kinshasa.

Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e sono in corso tutti gli approfondimenti del caso per verificare meglio l’accaduto e capire quanto successo in questi anni con il calciatore.

Pallone Serie A
Pallone Serie A

Cosa rischia il calciatore

Una lunga squalifica. E’ questo quello che rischia il calciatore se dovesse essere confermata questa indiscrezione. Secondo le ultime informazioni, il giocatore sarebbe riuscito ad ottenere la cittadinanza del Gabon durante la sua esperienza con la maglia del Mangasport ottenendo anche un piccolo sconto dell’età.

Possibile anche l’esclusione dalla Coppa d’Africa del Gabon, mentre la Stella Rossa non rischierebbe nulla. Sono in corso tutti gli approfondimenti del caso e le decisioni saranno prese nelle prossime settimane dopo tutti gli accertamenti del caso. Una vicenda che rischia di riaprire episodi chiusi nel passato.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 30-05-2021


Euro 2020, i pre-convocati di Roberto Mancini

La Roma vince la Coppa Italia femminile. Milan sconfitto ai rigori