Novità 2017 sulla mobilità volontaria

Mobilità volontaria, tutto quello che c’è da sapere: di cosa si tratta, come funziona e tutte le novità introdotte dal decreto Riforma PA.

La mobilità volontaria è considerato uno strumento indispensabile per raggiungere una migliore allocazione delle risorse all’interno della pubblica amministrazione e non solo. Scopriamo le novità introdotte con il decreto Riforma PA.

Mobilità volontaria

Generalmente si parla di mobilità lavorativa quando si determina nell’ambito di un rapporto di impiego il passaggio di un lavorare da una pubblica amministrazione all’altra. Si tratta di uno strumento di gestione del personale utilizzato dalle amministrazioni per gestire il personale in assenza di fondi per nuove assunzioni. Il Decreto Legislativo del 30 marzo 2001 e le successive modifiche conferiscono alle amministrazioni la possibilità di ricoprire posti vacanti tramite il passaggio diretto di dipendenti ad altre amministrazioni purché sia presentata una domanda di trasferimento. La procedura di mobilità può essere volontaria oppure obbligatoria. Nel primo caso a richiederlo è lo stesso lavoratore, nel secondo caso invece avviene in caso di eccedenza di personale o soprannumero.

Richiesta di mobilità

Con la richiesta di mobilità volontaria il dipendente pubblico può decidere liberamente di essere trasferito presso un’altra amministrazione pubblica. Come? Presentando una domanda di mobilità oppure partecipando ad un concorso pubblico presso l’amministrazione di suo interesse. Il trasferimento del lavoratore avviene con il lasciapassare dell’amministrazione di provenienza e può essere richiesta sia tra amministrazioni dello stesso comparto oppure di comparti differenti purché il lavoratore mantenga la stessa qualifica. La mobilità in pubblico impiego consente da un lato al lavoratore di cambiare la propria sede di lavoro mantenendo però le sue qualifiche e dall’altro alle amministrazioni di risolvere una serie di difficoltà legate al reclutamento di personale senza per forza ricorrere al concorso pubblico. Tra le novità del decreto va segnalata la mobilità del personale delle province e la mobilità volontaria incentivata, ossia un incentivo per tutti i dipendenti che volontariamente decidono di entrare nella procedura di mobilità.certificato_unicasim

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 21-08-2017

Guide News Mondo

X