Le modalità di pagamento del bollo auto: dal 'Rav' al PagoPa

Bollo auto, il ‘Rav’ va in pensione: dal 1° gennaio arriva PagoPa

Le nuove modalità di pagamento del bollo auto. Addio al ‘Rav’ per dare il benvenuto a PagoPa. Ecco tutte le novità in arrivo dal 1° gennaio.

ROMA – Le nuove modalità di pagamento del bollo d’auto. Dal 1° gennaio 2020 ci sarà l’addio definitivo al “Rav” (il classico vecchio bollettino n.d.r.) con l’arrivo del PagoPa, che coinvolgerà tutti i pagamenti della pubblica amministrazione.

Ultimi giorni, quindi, per usufruire del vecchio metodo con la nuova piattaforma che entrerà in vigore con l’anno nuovo. Da gennaio, infatti, addio al canale che le agenzie utilizzano per conservare i pagamenti su veicoli intestati ad altre regioni.

Lotta all’evasione fiscale

Presto il bollo auto, però, potrebbe essere oggetto ad ulteriori novità. La maggioranza giallo-rossa è al lavoro per cercare di eliminare la grande evasione fiscale. Per farlo si pensa ad una banca data unica gestita dall’Aci con l’obiettivo di “assolvere transitoriamente alla funzione di integrazione e coordinamento dei relativi archivi“.

Il provvedimento è stato inserito in uno degli emendamenti del dl Fiscale, approvato nella giornata di ieri (giovedì 5 dicembre 2019 n.d.r.) alla Camera. “Le informazioni – si legge nel testo riportato dal Corriere della Serasono disponibili per tutti gli enti che a loro volta provvedono a far confluire in modo simultaneo e sistematico i dati dei propri archivi delle tasse automobilistiche nel sistema informativo del Pra“.

Esenzione Bollo
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/parcheggio-autos-veicoli-traffico-825371/

Posticipato l’addio al Pra

Inoltre, il decreto legge fiscale ha allungato la vita al Pra. L’abolizione, prevista per i primi mesi del 2020, è stata rimandata al 1° novembre ma non è escluso un ulteriore slittamento nelle prossime ore.

Airbag moto

Con la manovra, inoltre, si è deciso di inserire una detrazione del 50% (fino a un massimo di 500 euro n.d.r.) per gli airbag da moto con un onere complessivo di 30 milioni di euro per lo Stato. I dispositivi potranno avere sia l’attivazione meccanica che elettronica.

fonte foto copertina https://pixabay.com/it/parcheggio-autos-veicoli-traffico-825371/

ultimo aggiornamento: 07-12-2019

X