Roma, per Monchi arriva la rescissione consensuale del contratto. Accordo raggiunto tra le parti, per i giallorossi è rivoluzione in corsa.

Rivoluzione Roma. Dopo l’esonero di Eusebio Di Francesco il club giallorosso si appresta a salutare anche il Ds Monchi, una scelta a sorpresa soprattutto per quanto riguarda le tempistiche.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Roma, risoluzione consensuale del contratto per Monchi. La decisione dopo l’esonero di Eusebio Di Francesco

Il dirigente era certo di essere alla sua ultima stagione alla Roma e avrebbe già un accordo sulla parola con l’Arsenal. Il fallimento del progetto Di Francesco e l’esonero del tecnico, fortemente voluto dall’ex dirigente del Siviglia, hanno portato nella bufera anche lo stesso Monchi che sarebbe arrivato alla rescissione consensuale del contratto che lo legava al club capitolino.

Risoluzione del contratto di Monchi, il comunicato della Roma

È arrivato intorno alle ore 14.00 il comunicato ufficiale con cui la Roma ha reso nota l’interruzione del rapporto lavorativo con Monchi:

“As Roma e il direttore sportivo Monchi confermano di aver raggiunto un accordo per risolvere consensualmente il proprio rapporto lavorativo”.

AS Roma, Monchi sostituito da Massara

Stando alle indiscrezioni che circolano da Trigoria, il ruolo di Monchi sarà assunto da Ricky Massara, un traghettatore in attesa di un nome di spicco che ricoprirà il ruolo di Ds.

Claudio Ranieri a Roma

Intorno alle dieci e trenta dell’8 marzo, Claudio Ranieri arrivato a Roma confermando di fatto la notizia che sarà lui il successore di Eusebio Di Francesco almeno per questo finale di stagione in cui i giallorossi, usciti dalla Champions, devono concentrarsi sulla panchina. L’allenatore, romano e romanista, è stato indicato come l’uomo giusto per ricompattare lo spogliatoio mettendo d’accordo giovani e veterani.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Riproduzione riservata © 2021 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 08-03-2019


Milan Tv, parla Andrea Conti: “Sto bene, ma sono ancora al 70%”

CorSera, il retroscena di Moratti: “Quando Ibra andò al Milan, mi chiamò…”