La sintesi di Perù-Danimarca, seconda gara del gruppo C dopo il debutto vittorioso e sofferto della Francia con l’Australia.

A Saransk, nel centro della Russia occidentale, la Danimarca torna a brillare in un Campionato mondiale di calcio, cosa che non accadeva da diversi anni. Sono tre i punti conquistati questa sera, superando un Perù battagliero. A decidere è stato uno dei danesi ‘acquisiti’, Yussuf Poulsen, esterno d’attacco del Lipsia. Sua la rete in una partita molto combattuta, che regala alla Danimarca il momentaneo primo posto nel girone insieme alla Francia. La sensazione è che nel girone ci sarà però bagarre fino all’ultima giornata.

Mondiali Russia 2018, Perù-Danimarca: Cueva sbaglia un rigore

Alla Mordovia Arena di Saransk, Perù e Danimarca si affrontano per cercare di agganciare al primo posto del gruppo C la Francia di Deschamps, vittoriosa nel pomeriggio contro l’Australia. I danesi, solidi e forti fisicamente, si affidano alle invenzioni della stella del Tottenham Christian Eriksen, talento più importante tra i ventidue in campo. Dall’altra parte risponde con grande corsa e buona tecnica la squadra sudamericana, che lascia in panchina uno dei leader, Guerrero, ma può contare sull’esperto attaccante Jefferson Farfán.

A fare la partita nei primi minuti è la compagine danese, che gestisce bene la sfera senza però creare grossi pericoli. In ripartenza punge però il Perù, che con Farfán va vicino alla marcatura attorno alla mezz’ora, fermato solo da un ottimo recupero dell’ex Roma e Palermo Kjær. Al 36′ è costretto a uscire per infortunio il danese Kvist, sostituito dal centrocampista dell’Ajax Lasse Schøne. Continua a farsi preferire la squadra europea, ma al 43′ Poulsen atterra in area Cueva. L’arbitro gambiano Gassama non fischia, ma dopo un consulto con il Var rivede la sua decisione e decreta il penalty: dal dischetto si presenta lo stesso Christian Cueva, che col destro spara altissimo sopra la traversa. Termina così 0-0 il primo tempo.

Perù-Danimarca: Poulsen la sblocca, Schmeichel abbassa la saracinesca

La ripresa inizi a ritmi non altissimi. La Danimarca continua a farsi preferire, pur sciupando la gran parte del gioco impostato una volta arrivata nei pressi dell’area. Il Perù continua a pungere con la velocità dei suoi attaccanti, ma senza impegnare particolarmente Kasper Schmeichel. Al 59′ sorprendentemente colpisce però in contropiede proprio la squadra di Åge Hareide, che passa grazie all’imbeccata di Eriksen per Yussuf Poulsen, bravissimo ad approfittare di una voragine creatasi sul lato destro della retroguardia peruviana.

I sudamericani reagiscono e sfiorano dopo soli due minuti il pari con la conclusione di Flores, parata ottimamente da Schmeichel. Gareca decide quindi di giocarsi la carta Paolo Guerrero, ex Bayern e miglior marcatore della storia della Nazionale blanquirroja. L’ingresso del capitano peruviano risveglia l’orgoglio inca, e la squadra sfiora più volte la rete dell’1-1. Al 79′ Guerrero tenta il gol del Mondiale con un colpo di tacco in diagonale col destro, ma la palla lambisce il palo e va sul fondo. Nel finale fioccano le occasioni da una parte e dall’altra, ma il risultato non cambia. Vince la Danimarca, che aggancia la Francia in testa al girone C.

Di seguito tutte le informazioni su Russia 2018.

Tabellino Perù-Danimarca

MARCATORI: st 13′ Poulsen

PERÙ (4-2-3-1): Gallese; Advincula, Rodriguez, Ramos, Trauco; Tapia (42′ st Aquino), Yotun; Flores (17′ st Guerrero), Cueva, Farfán (40′ st Rudiaz); Carrillo. Commissario tecnico: Ricardo Gareca.

DANIMARCA (4-2-3-1): Schmeichel; Stryger, Christensen (36′ st M. Jørgensen), Kjær, Dalsgaard; Kvist (36′ Schøne), Delaney; Yussuf Poulsen, Eriksen, Pione Sisto (22′ st Braithwaite); N. Jørgensen. Commissario tecnico: Åge Hareide.

ARBITRO: Gassama (GAM).

AMMONITI: Tapia, Delaney

Fonte foto: https://www.facebook.com/fifaworldcup/

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news Danimarca mondiali russia 2018 perù

ultimo aggiornamento: 16-06-2018


Russia 2018, la rosa della Croazia: Luka Modric la stella

Russia 2018, Croazia-Nigeria 2-0: Modrić trascina i suoi in testa al girone D