Coronavirus in Italia, il monitoraggio Agenas: aumentano i ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Altre due Regioni rischiano il passaggio in zona Gialla.

In Italia il tasso di occupazione dei posti letto in area medica ha raggiunto la soglia del 12%, superando quindi la soglia limite del 10, e il tasso di occupazione dei posti letto in area medica ha raggiunto il 15%, raggiungendo la soglia critica. È quanto emerge dal monitoraggio Agenas del 27 dicembre.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Coronavirus, il monitoraggio Agenas sui ricoveri in area medica e in terapia intensiva

I dati confermano il progressivo peggioramento della situazione epidemiologica in Italia con lo spostamento dell’Italia dalla zona Bianca alla zona Gialla. A livello nazionale, l’incidenza ha superato la soglia della zona Gialla e lo stesso discorso vale per i ricoveri in terapia intensiva, con i ricoveri che hanno raggiunto la soglia del 12% (la soglia critica è fissata al 10). Per quanto riguarda i ricoveri in area medica l’Italia è arrivata al 15%, quindi al limite massimo della zona Bianca.

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

Altre due Regioni rischiano il passaggio dalla zona Bianca alla zona Gialla

Per quanto riguarda la situazione nelle Regioni, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Piemonte e Veneto hanno superato la soglia critica sia per quanto riguarda i ricoveri in area medica che per quanto riguarda i ricoveri in terapia intensiva.

Di queste Regioni sette sono già in zona Gialla e due, Lazio e Piemonte, rischiano il passaggio dal 3 gennaio.

Da monitorare anche la situazione della Lombardia, che ha raggiunto il 12% dei ricoveri in terapia intensiva ma resta al 14% per quanto riguarda i ricoveri in area medica.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 27-12-2021


Dal 10 gennaio dose booster dopo 4 mesi

Covid, migliaia di italiani in isolamento. Cambiano le regole per la quarantena?