La stagione 2022 è ormai alle porte e la Formula 1 ha svelato le monoposto. Gare destinate ad essere più spettacolari.

SILVERSTONE (GRAN BRETAGNA) – La Formula 1 guarda al futuro e, alla vigilia del Gran Premio della Gran Bretagna, la Liberty Media ha svelato il modello delle monoposto della stagione 2022. Il prossimo Mondiale sarà quello della svolta, con le nuove regole che dovrebbero rendere il campionato più divertente.

Le scuderie ormai da tempo sono al lavoro per mettere in pista una vettura competitiva e sicuramente la decisione della Liberty Media di svelare un modello potrebbe dare delle indicazioni importanti ai team. Il primo passo verso il 2022 è stato fatto, ora tocca alle squadre completare il lavoro.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Le monoposto del 2022

Una monoposto molto differente da quelle attuali. Come riportato da La Gazzetta dello Sport, le vetture si presenteranno con una aerodinamica rivista con miglioramenti nel flusso d’aria. I fianchi saranno rinforzati e questo dovrebbe portare a diminuire le possibilità di perdere pezzi durante un contatto. Si tratta di una novità fortemente voluta dalla Liberty Media per facilitare lo spettacolo e non si esclude anche un intervento sulle regole da parte della Fia.

L’altra grande innovazione riguarda sicuramente le gomme. Le ruote saranno da 18 pollici e non 13 come quelle attuali. I pneumatici sono già stati provati in più di un’occasione dai piloti e il responso è stato positivo.

Formula 1
Formula 1

Il budget cup

Vetture molto più resistenti anche per il budget cup. La Formula 1, dopo due anni complicati per la pandemia, dovrebbe inserire il limite di spesa per cercare di limitare le spese anche dal punto di vista degli ingaggi. Il tetto, però, ha posto un altro problema: quello degli incidenti in pista. Per questo motivo si è deciso di mettere in pista delle vetture molto più resistenti e con meno possibilità di perdere pezzi in caso di un contatto con il rivale.


L’Alfa Romeo resta in Formula 1, ufficiale il rinnovo con la Sauber

Covid, cosa fare se si risulta positivi quando si è all’estero