Corsi e ricorsi per il Milan: Montella come Allegri?

La sfida con il Sassuolo di domenica sembrerebbe rappresentare l’ultima spiaggia per il tecnico rossonero. O forse no…

chiudi

Caricamento Player...

Montella Allegri – Vincenzo Montella e Massimiliano Allegri: percorsi diversi, destino comune? Possibile. Almeno per quanto riguarda le avventure rossonere. Dopo l’ennesima delusione della stagione del Milan, quello zero a zero triste di Atene, sono in molti a ritenere l’avventura di Montella con il Diavolo ormai conclusa. All’orizzonte si profila la sfida di Reggio Emilia contro il Sassuolo. Stesso campo su cui cadde Massimiliano Allegri, in quel fatidico e mai dimenticato 4-3 per i neroverdi neopromossi che decretò la fine della sua avventura milanista. Ma forse, per Montella, il destino potrebbe essere scritto al di là del risultato…

Montella come Allegri: Sassuolo ultimo atto?

Chissà, magari basterebbe una vittoria, un trionfo completo sotto tutti i punti di vista, per salvare la panchina di Montella. O forse la panchina rimarrebbe salda anche dopo un pareggio o una sconfitta, con Montella che diverrebbe una sorta di traghettatore di se stesso in attesa della più che certa rivoluzione tecnica della prossima estate. L’ipotesi che molti tifosi ormai invocano, però, è quella di un allontanamento di Montella anche in caso di successo. Perché, razionalmente, questo potrebbe essere l’ultimo momento utile per salvare la stagione, qualora il problema risiedesse nella guida tecnica. Con la pausa per le Nazionali un nuovo tecnico avrebbe un minimo di tranquillità per poter iniziare il proprio percorso, in vista di un nuovo ciclo terribile tra campionato e coppa (con la trasferta del San Paolo di Napoli come primo appuntamento post-Nazionali). Se dovrà essere addio da Montella, non vi sarebbe momento migliore. Anche perché c’è ancora la possibilità di recuperare in campionato, e in Europa nulla è compromesso, con un primo posto ancora piuttosto saldo. Ma forse la realtà sarà diversa, la dirigenza proseguirà nella fiducia ad interim all’attuale tecnico confidando in una pronta ripresa, al di là della sfiducia ormai palesata da un ambiente disilluso. Reggio Emilia ci darà delle risposte, sia sul campo che fuori.