Montella: “Grandi aspettative, sono positivo. Testa al derby”

Premiato a Cuccaro Monferrato, Vincenzo Montella si è detto fiducioso per il proseguo della stagione: “Cammino in salita, ma sono ottimista”.

Il tecnico rossonero, Vincenzo Montella, ha ricevuto stamane il Premio Nils Liedholm. A margine dell’evento, svoltosi a Cuccaro Monferrato (provincia di Alessandria), l’Aeroplanino ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai giornalisti presenti.

Premio Nils Liedholm, riconoscimento per Vincenzo Montella

Su Liedholm: “Ho avuto il piacere di incrociarlo alla Roma, ho avuto la possibilità di apprezzare la sua ironia. Mi auguro di poter vincere come lui”.

Sul derby: “È la cosa bella di questo mestiere, la testa e le idee verso la prossima partita. È un mestiere bellissimo, ti appassiona tutti i giorni. Devo dire la verità: quando non perdo mi piace anche la domenica”.

Sull’accanimento nei confronti del Milan: “Ci sta, perché le aspettative sono altissime. Sappiamo la realtà internamente, come società, sappiamo che mediaticamente ci sta. Il nostro percorso ci deve portare a crescere e raggiungere l’obiettivo dei primi quattro posti. Non siamo distanti. Fa parte delle aspettative, l’importante è saperle gestire e non farsi condizionare”.

Su Ancelotti: “Farei io il secondo di Ancelotti. La mia era una battuta. Futuro? Non mi turbano le voci, faccio questo lavoro da qualche anno e conosco i rischi del mestiere. Più alleno una squadra blasonata e di grandi aspettative come il Milan e più sono i rischi e le chiacchiere. I miei pensieri sono alle partite”.

Sul proseguo della stagione: “Sono positivo e ottimista. C’è lavoro da fare, ma vedo disponibilità e potenzialità. Il cammino è un po’ in salita, ma è normale. Noi tutti dal primo momento abbiamo detto che ci vorrà del tempo, ma siamo i primi a pretendere che questo tempo non ci sia. Ci vuole coerenza ed equilibrio nelle valutazioni e nelle analisi”.

Sul preparatore atletico: “Sto valutando quale possa essere la scelta migliore. Iriarte sta con me da qualche anno, Savoia è un preparatore che è stato con me. Le soluzioni interne non mancano, sto valutando anche altri profili ma non mi faccio prendere dal panico”.

Sul Papu Gomez in Nazionale: “Che avesse grandi possibilità lo si intravedeva. Mi fa piacere per lui, è un bravo ragazzo. Gli auguro il meglio, gli auguro di qualificarsi al Mondiale”.

ultimo aggiornamento: 05-10-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X