E’ polemica per il morso sulla schiena di Rudiger a Pogba durante Francia-Germania. Il difensore rischia una lunga squalifica.

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) – Lunga squalifica per Rudiger dopo il morso sulla schiena a Pogba durante Francia-Germania? L’immagine è diventata virale sui social e il Var ha deciso di non prendere provvedimenti. La prova tv, però, non è da escludere soprattutto in caso di una mancata segnalazione nel referto di fine partita da parte del direttore di gara.

I motivi di questo gesto non si conoscono anche perché tra i due in partita non ci sono stati particolari scontri. Fortunatamente nessuna reazione da parte del francese con la partita che si è conclusa senza tensione in campo.

Rudiger morde Pogba, le polemiche dopo il gesto

Il gesto, non punito dal Var e dall’arbitro, è stato ripreso dalle telecamere e diventato virale dopo poco sui social. L’ex difensore della Roma durante una marcatura stretta nei confronti del centrocampista prima si è appoggiato con il viso sulla schiena di Pogba e poi gli ha dato un morso.

Nessuna reazione da parte del suo avversario anche se non si conoscono i motivi di questo gesto. Non cè stata nessuna segnalazione da parte del direttore di gara e della tecnologia. Ma non si esclude la possibilità di un intervento della prova televisiva per la squalifica del difensore del Chelsea.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Paul Pogba
Paul Pogba

I precedenti

Non è la prima volta che un gesto simile succede in una competizione internazionale. Il precedente più famoso è sicuramente quello riguardante Chiellini e Suarez, una sfida che si è ripetuta in più di un’occasione nelle sfide tra Italia e Uruguay.

Ora il caso tra Rudiger e Pogba. Nelle prossime ore si pronuncerà la Uefa su questo episodio e non si esclude la possibilità di una squalifica nei confronti del difensore anche senza la segnalazione di Var e arbitro.

TAG:
calcio news Europei

ultimo aggiornamento: 15-06-2021


Euro 2020, la Francia batte 1-0 la Germania. Ronaldo trascina il Portogallo contro l’Ungheria

Rubata la maglietta dell’esordio in Serie A con il Milan, Alessandro Matri scrive al ladro