E’ morta a Cracovia Eva Kor, una delle sopravvissute alle torture del medico Josef Megele all’interno del campo di concentramento di Auschwitz.

CRACOVIA (POLONIA) – Il ricordo del campo di concentramento di Auschwitz perde un altro dei suoi simboli. E’ morta a Cracovia Eva Kor, una delle donne vittime delle torture del medico Josef Mengele durante la Seconda Guerra Mondiale. La sorella gemella è deceduta negli anni ’90.

Il corpo senza vita è stata trovato in una camera d’albergo di Cracovia, dove si trovava per l’annuale viaggio educativo con un gruppo di giovani. Al momento non si conoscono i motivi di questo decesso e nei prossimi giorni potrebbe essere svolta l’autopsia sulla vittima per cercare di accertare i motivi di questa morte al momento ricca di mistero.

Chi era Eva Kor

Eva Kor era una delle principali testimoni di quanto è successo nei campi di concentramento di Auschwitz. Da bambina, insieme la sorella, è stata vittima dei test del dottore Mengele ma era riuscita a sopravvivere a differenza di altri connazionali che hanno perso la vita.

Terminata questa tortura la donna ha deciso di trasferirsi negli Stati Uniti. Qui ha incontrato un ex nazista che le ha risvegliato il suo dolore. Da trent’anni, però, ha iniziato a viaggiare in tutto il mondo per testimoniare tutti i crimini nazisti, insegnando l’importanza del perdono per superare i traumi personali e storici. E in questo ambito ha pubblicato anche un libro autobiografico.

La sua morte lascia un vuoto importante nel ricordo di quanto succedeva nei campi di Auschwitz. Ma la memoria di Eva Kor non sarà mai dimenticata. I suoi insegnamenti in futuro potranno essere presi come esempio da molti giovani in un periodo storico dove in Italia ma anche all’estero l’odio razziale sta riemergendo.

Di seguito il video con alcune parole di Eva Kor

fonte foto copertina https://twitter.com/EvaMozesKor

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
auschwitz campi di concentramento esteri eva kor

ultimo aggiornamento: 05-07-2019


Amsterdam, il sindaco propone la chiusura del quartiere a luci rosse

Terremoto di magnitudo 7.1 in California: è il più forte degli ultimi 20 anni