E’ morta all’età di 32 anni Gabe Grunewald, la mezzofondista simbolo della lotta contro il cancro. Il marito: “Se ne è andata la mia eroina”.

MINNEAPOLIS (STATI UNITI) – Gabe Grunewald non è riuscita a vincere la sua battaglia più importante. La mezzofondista statunitense è morta all’età di 32 anni dopo una lunga lotta contro il cancro iniziata nel lontano 2009. L’atleta era diventata un vero simbolo per la forza di volontà e il carattere con cui ha affrontato la malattia in questi anni.

Ma nelle ultime settimane le sue condizioni erano peggiorate tanto che il marito sui social aveva invitato tutti i suoi fan a salutarla. Ed è stato proprio il compagno Justin a salutarla: “Se ne è andata la mia migliore amica, ispirazione, eroina”.

Chi era Gabe Grunewald

Gabe Grunewald può essere identificata come uno dei simboli della lotta contro il cancro. Un calvario iniziato nel 2009 per un carcinoma adenoideo-cistico. Ma nonostante questo l’atleta non ha mai smesso di inseguire il suo sogno di diventare atleta. E il secondo posto nei 1500 metri ai campionati universitari sono l’esempio della sua forza di volontà.

Ma il tumore non l’ha mai lasciata in pace. Nel 2012 le diagnosticano uno carcinoma alla tiroide. Ma Gabe non ha nessuna intenzione di fermarsi e partecipa ai Trials olimpici senza, però, riuscire a ottenere la qualificazione. Una carriera che è stata forzatamente interrotta nel 2016 quando le hanno asportato un tumore al fegato prima di una recrudescenza del carcinoma alla tiroide.

Le condizioni di Gabe sono peggiorate nelle ultime settimane. La statunitense, purtroppo, è stata costretta ad alzare bandiera bianca anche se il suo esempio non sarà mai dimenticato. E saranno molti i colleghi ma anche semplici fan che si preparano a darle l’ultimo saluto e soprattutto a prenderla come esempio nella lotta contro il cancro.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
atletica cancro Gabe Gruneweld tumore

ultimo aggiornamento: 12-06-2019


Lionel Messi il ‘paperone’ degli sportivi. Ronaldo e Neymar sul podio

Volley, bis dell’Italia di Mazzanti a Perugia. 3-1 alla Corea e primo posto in Nations League