E’ morta la madre di Silvia Toffanin. La signora Gemma era malata da tempo.

MILANO – E’ morta la madre di Silvia Toffanin. La notizia è stata data dall’Ansa. L’agenzia di stampa ha precisato che il decesso è avvenuto nella giornata di giovedì 29 ottobre 2020. La signora Gemma era malata da tempo e il cordoglio sui social non è mancato.

Massimo riserbo da parte della conduttrice che non ha nessun profilo sui social network. Possibile un ricordo nella prossima puntata di Verissimo, con la mamma che è sempre stato un punto di riferimento per Silvia Toffanin.

Chi è Silvia Toffanin

Nata a Bassano del Grappa il 26 ottobre 1973 (Scorpione), Silvia Toffanin si è fatta conoscere con la sua partecipazione a Miss Italia nel 1997. L’esordio in televisione è avvenuto tre anni dopo come letterina del quiz di Canale 5 Passaparola.

Una prima esperienza sul piccolo schermo per lei che, con il passare degli anni, è diventata un volto noto di Mediaset. Nel 2006 ha ereditato da Paola Perego la conduzione di Verissimo. Programma che da oltre un decennio è in mano della conduttrice veneta.

Silvia Toffanin
Silvia Toffanin

Morta la madre di Silvia Toffanin

Il 29 ottobre 2020 è morta la madre di Silvia Toffanin. La notizia è stata dall’Ansa, precisando che la signora Gemma era malata da tempo. Un lutto importante per lei, con il genitore un punto di riferimento per lei.

La vita privata e i figli di Silvia Toffanin

La vita privata di Silvia Toffanin è sempre stata al centro del gossip per la sua relazione con Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset e figlio di Silvio. Una relazione iniziata nel 2002 e dalla quale sono nati Lorenzo Mattia (10 giugno 2020) e Sofia Valentina (10 settembre 2015).

Come detto, la conduttrice è molto riservata e non ha nessun profilo social. Una decisione presa dallo stessa donna dai primi giorni della sua avventura in televisione.

Covid, l’aggiornamento del Piano Vaccini


Auto travolge un gruppo di persone nel Pavese, due morti

“Non siete Zlatan, non sfidate il virus”. Ibrahimovic testimonial della Regione Lombardia