Si è spenta all’età di 83 anni Mary Oliver, premio Pulitzer nel 1984 per la raccolta ‘American Primitive’.

HOBE SAUND (STATI UNITI) – La letteratura e la poesia piangono la morte di Mary Oliver. La scrittrice – malata da tempo – si è spenta all’età di 83 anni nella giornata di giovedì 17 gennaio 2019. Premio Pulitzer nel 1984 per la raccolta American Primitive, il New York Times l’aveva eletta come una tra i poeti che hanno venduto maggiormente negli Stati Uniti.

MARY OLIVER
Mary Oliver (fonte foto https://www.facebook.com/PoetMaryOliver/)

Chi era Mary Oliver

Nata a Cleveland il 10 settembre del 1935 sotto il segno della Vergine, Mary Oliver ha dedicato la vita alla poesia scrivendo più di venti volumi di versi. La poetessa era molto apprezzata dai suoi lettori e non solo per il suo stile diretto e soprattutto accessibile a tutti. Tra le sue opere più importanti troviamo quelle dedicate alla vita selvaggia e agli animali.

In un articolo il New York Times esalta il suo linguaggio elementare che permetteva a tutti di capirei versi. Ma in questa semplicità si intravede anche un tessuto connettivo poetico che può sfuggire alla prima lettura. Tanti i premi vinti in carriera ma il più importante resta il Pulitzer conquistato nel 1984.

Il ricordo dei social

La morte è stata ricordata molto sui social. L’ex first lady, Hillary Clinton, su Twitter ha voluto esprimere la vicinanza alla famiglia per la morte della poetessa: “Grazie, – scrive – per averci dato così tante parole per vivere“.

Di seguito il tweet di Hillary Clinton

Il cordoglio arriva anche dal mondo della musica con il ricordo di Madonna: “Sollevo un bicchiere e verso una lacrima per la morte di uno dei miei poeti preferiti, Mary Oliver. Le sue parole erano un ponte tra la Natura e il Mondo Spirituale, Dio ti benedica Mary“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri Mary Oliver poesia premio pulitzer

ultimo aggiornamento: 18-01-2019


Russia, scontro tra due caccia: piloti salvati in mare

Messico, furto si trasforma in strage: venti morti e settanta feriti