Morte Mattia Dall’Aglio, aperta un’inchiesta per omicidio colposo

Il nuotatore italiano è stato stroncato da un infarto nella giornata di domenica mentre si allenava nella sala pesi della palestra dei Vigili del Fuoco.

chiudi

Caricamento Player...

MODENA – È stata aperta un’inchiesta per fare chiarezza sulla morte di Mattia Dall’Aglio. Il nuotatore di 24 anni è morto stroncato da un infarto nella giornata di domenica mentre si allenava nella sala pesi della palestra dei Vigili del Fuoco di Modena. Nella giornata odierna la Procura ha fatto sapere che ci sono uno o più indagati destinatari di avvisi di garanzia per fare chiarezza sul fatto e l’autopsia di giovedì potrà dire molto.

La Procura indaga anche sul luogo dei fatti. Non è una palestra

In un incontro con i giornalisti il procuratore capo Lucia Musti ha anche ammesso che la “Procura indaga sul luogo dove è successo il fatto. Quella viene chiamata palestra ma non lo è, perché deve avere autorizzazioni di varia natura. La si può chiamare una stanza attrezzata alla buona, con appunto macchine da palestra. Noi stiamo lavorando su una situazione complessa, dobbiamo accertare una serie di circostanze non solo dal punto di vista autoptico“.

L’università di Modena e Reggio Emilia si sta adoperando per consegnare la prossima sessione di laura autunnale una laurea alla memoria a Mattia Dall’Aglio che frequentava il corso di laurea triennale in Marketing e organizzazione d’impresa.