Aperta un’indagine sulla morte del cane di Andrea Bocelli. Il fascicolo è contro ignoti.

ROMA – A distanza di cinque mesi dalla morte del cane di Andrea Bocelli, la Procura di Tempio ha aperto un’indagine contro ignoti. Sono in corso tutti gli accertamenti del caso per verificare le cause del decesso dell’animale.

L’annuncio sui coal

L’annuncio della morte di Pallina è stato dato dallo stesso cantante lo scorso 24 agosto, a 48 ore dalla scomparsa.

Cari amici – si legge nel post – a seguito delle ultime segnalazioni di avvistamento in mare, è il momento di accettare, è il momento di fare spazio nel cuore per il nostro cagnolino, in modo che lì, d’ora in poi, continui a vivere e a giocare“.

Il ringraziamento ai fan

Una scomparsa che aveva portato molte persone a condividere l’appello di Andrea Bocelli: “Tantissimi amici, ma anche persone sconosciute, hanno voluto rendersi disponibili e ci hanno supportato nelle ricerche, sia di persona, che sui social condividendo il nostro appello. Un grazie speciale a Elisabetta, Valeria, Renzo e all’equipaggio della nostra barca, con cui incessantemente, nelle ultime 24 ore abbiamo battuto le coste, laddove il mare si è portato via la nostra compagna di viaggio“.

An Milano 30/04/2014 – festa-concerto a un anno dall’Expo / foto Andrea Ninni/Image nella foto: Andrea Bocelli

“Non avevamo messo in conto di perderla così presto”

In conclusione Andrea Bocelli ha ricordato che “Pallina è vissuta libera. Ci è stata accanto con la sua grazia e con la sua apparente fragilità, regalandoci tanto affetto e la sua calda, silenziosa, intelligente presenza. Non avevamo messo in conto di perderla così presto… Ancora grazie a tutti voi, e grazie al nostro piccolo grande levriero, che della sua vita ha fatto (come ogni cane, d’altronde), espressione e modello d’incondizionato amore“.

Un lutto che ha colpito la famiglia di Andrea Bocelli durante la sua vacanza in Sardegna insieme alla moglie e alla figlia e al suo staff.


Allarme coronavirus nelle carceri, 110 casi nella struttura di Rebibbia

Sanremo 2021, il Cts frena sulla presenza del pubblico. Il sindaco: “Comune a rischio default senza Festival”