Lutto nel mondo del calcio, è morto Felice Pulici. L’ex portiere è stato uno dei grandi protagonisti della Lazio che vinse il primo Scudetto della sua storia.

Lutto nel mondo del calcio, è morto Felice Pulici, il portiere della Lazio che vinse il primo Scudetto nel 1974. L’uomo è scomparso a 73 anni e ormai da tempo combatteva contro alcuni problemi di salute.

Felice Pulici
Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Felice_Pulici

La morte di Felice Pulici

I familiari non e gli amici di Felice non hanno rilasciato dichiarazioni in merito alla scomparsa dell’ex giocatore preferendo vivere il proprio dolore in silenzio, lontani dalle luci delle telecamere.

Felice Pulici malato da tempo

Sembra comunque che Pulici fosse ormai da tempo alle prese con problemi cardiaci. Stando ad alcune fonti giornalistiche capitoline vicine alla società della Lazio l’ex portiere sarebbe stato malato di cancro.

La notizia è stata comunicata da Gabriella Grassi che con un lungo post condiviso sulla propria pagina Facebook ha voluto salutare e ricordare uno degli uomini simbolo della Lazio.

Pulici contro Lotito

Negli ultimi anni Felice Pulici si era reso protagonista di una battaglia contro l’attuale presidente della Lazio Claudio Lotito. In occasione dei 115 anni del club capitolino, l’ex portiere interruppe il discorso in pubblico dello stesso Lotito gridando dagli spalti che non stava gestendo la società in maniera a suo avviso condivisibile.

La cosa principale è l’unione. Lotito è uno strumento che non coltiva interessi personali, non posso tagliarmi la testa anche se a qualcuno farebbe piacere – aveva dichiarato Lotito. Insieme raggiungeremo grandi traguardi, lo dimostreranno i fatti. Abbiamo un vantaggio: siamo abituati a soffrire, la nostra storia è stata costellata di valori e sacrifici. Valori olimpici e di superamento di steccati razziali, sociali ed economici. La nostra forza è l’unità. Noi siamo simbolo di umiltà e onorabilità“. A questo punto dagli spalti la voce di Pulici e la critica aperta dell’ex portiere: “Non lo stai dimostrando“.


Milan, non resta che Pato… Quagliarella lontanissimo

M5s, aggredita a Nuoro la deputata Mara Lapia