A 80 anni è morto lo storico membro del gruppo musicale Ricchi e Poveri Franco Gatti. La sua situazione era peggiorata dopo il Covid.

E’ morto a Genova all’età di 80 anni Franco Gatti, membro del quartetto Ricchi e Poveri da cui però da anni si era allontanato dopo la tragica morte di suo figlio Alessio nel 2013 per un cocktail di alcole e eroina. La notizia della morte di Gatti è stata diffusa dalla sua famiglia, il gruppo di cui aveva fatto parte lo saluta commosso: “È andato via un pezzo della nostra vita. Ciao Franco”.

Il gruppo genovese nato alla fine degli anni 60 ha visto il suo massimo successo negli anni ’80. Gatti era una delle due voci maschili insieme ad Angelo Sotgiu. Franco Gatti si era allontanato dal gruppo dopo la morte del figlio che lo aveva devastato, come ha raccontato insieme alla moglie durante la sua ultima apparizione in tv, la tragica e improvvisa perdita del figlio.

Lutto
Lutto

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Franco Gatti e il dolore per il figlio

“I miei colleghi e amici continuano a lavorare. Io mi sono fermato perché non salivo più con gioia sul palco” ha detto per poi riunirsi sul palco dell’Ariston nel 2020. In un’intervista aveva dichiarato che dopo essersi ammalato di Covid, le sue condizioni erano peggiorate essendo già affetto dal morbo di Crohn. Curato da Matteo Bassetti, con cui sperava di cantare insieme, si è nuovamente aggravato.

Franco Gatti insieme ai Ricchi e Poveri ha conosciuto un incredibile successo. Il quartetto ha portato alcune hit ad essere cult della musica leggera italiana fino a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest nel 1978. Nel 1985 vinsero il Festival di Sanremo con il brano “Se m’innamoro”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 18-10-2022


Padre e figlia morti in mare: scomparsa la barca

Santina Renda, la bambina di 6 anni scomparsa a Palermo