È morto Guido Ceronetti, poeta e drammaturgo

È morto Guido Ceronetti, poeta e scrittore italiano. Alla fine degli anni Novanta fu criticato per la sua posizione sul capitano delle SS Erich Priebke.

È morto a novantuno anni Guido Ceronetti, noto poeta e scrittore. L’uomo era stato colpito da una broncopolmonite e le condizioni sono rapidamente peggiorate portandolo alla morte. Era ricoverato in ospedale dal mese di agosto, poi è stato dimesso quando le condizioni erano ormai irreversibili. Secondo il Corriere della Sera però, lo scrittore sarebbe stato ricoverato per un’ischemia.

A dare l’annuncio della scomparsa di Guido Ceronetti è stata la casa editrice Adelphi, con cui lo scrittore aveva pubblicato le sue ultime opere.

Guido Ceronetti, la carriera

Ceronetti aveva iniziato la sua carriera come giornalista nel 1945 lavorando come collaboratore per diversi quotidiani nazionali. Divenne presto una penna raffinata anche per il suo amore per la filosofia e la letteratura classica.

Iniziò poi a lavorare come traduttore, riportando in lingua italiana testi in latino o in ebraico antico. Amante dell’arte in tutte le sue sfaccettature, nel 1970 inaugurò quello che sarebbe diventato famoso come il Teatro dei Sensibilidove andavano in scena spettacoli di marionette.

Guido Ceronetti
Fonte foto: https://www.facebook.com/ControradioFirenze/?tn-str=k*F

Ceronetti, la polemica intorno al caso Priebke

Alla fine degli anni Novanta Guido Ceronetti finì al centro delle polemiche per aver difeso pubblicamente Erich Priebke, il capitano delle SS che ordinò la strage delle Fosse Ardeatine trucidando centinaia di persone per vendicare un’azione commessa dai partigiani contro l’esercito tedesco. Secondo Ceronetti proprio i partigiani sarebbero stati responsabili, come Priebke, dell’eccidio che ancora oggi rappresenta una ferita dolorosa nella storia dell’Italia.

Fonte foto: https://www.facebook.com/ControradioFirenze/?tn-str=k*F

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 13-09-2018

Nicolò Olia

X