E’ morto Guido Vandone. L’ex portiere aveva 89 anni ed ha fatto parte della squadra che ha sostituto il Grande Torino.

TORINO – E’ morto all’età di 89 anni Guido Vandone. L’ex portiere è stato protagonista dei giovani del Torino che ha sostituito la squadra imbattibile dopo la strage di Superga. Un finale di stagione che è coinciso con la vittoria del campionato, assegnato già ai granata.

A confermare il decesso è proprio il club torinese con un post sul proprio sito: “Con Vandone ci lascia una figura di rilievo nella storia granata, uno degli ultimi calciatori della rosa del Grande Torino“.

Chi era Guido Vandone

Il nome di Guido Vandone resterà per sempre legato al Torino. L’esordio in Serie A è arrivato il 15 maggio 1949, all’indomani della tragedia di Superga. Ma il portiere ha avuto la fortuna di allenarsi con la squadra imbattibile, come dichiarato anche dal club granata in una nota.

Una carriera iniziata nel capoluogo piemontese ma che lo ha visto indossare anche le maglie di Savona, Prato, Lecce e Cuneo. Maglie che hanno permesso al portiere di continuare la sua attività professionistica ma Vandone sarà ricordato per aver giocato le ultime partite con i giovani compagni subito dopo la tragedia di Superga. E il Torino si prepara a ricordarlo proprio a Debrecen, dove domani scenderà in campo per il secondo turno dei preliminari di Europa League.

La morte di Guido Vandone

La morte di Guido Vandone è avvenuta nella giornata di mercoledì 31 luglio 2019. Saranno diverse le persone che nelle prossime ore andranno a dare l’ultimo saluto al portiere che ha avuto la fortuna di conoscere il Grande Torino. Il suo esordio in Serie A è avvenuto dopo la tragedia di Superga. E nome dell’estremo difensore sarà ricordato sempre nella storia della squadra granata.

fonte foto copertina https://twitter.com/RobyBaggio71

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news Guido Vandone torino

ultimo aggiornamento: 31-07-2019


Calciomercato, Icardi tra Napoli e Roma: giallorossi favoriti

Non solo Biglia: anche Kessié è in bilico