Improvviso lutto nel mondo dell’atletica. E’ morto a Verona all’età di 62 anni il fondista Loris Pimazzoni.

VERONA – Il mondo dell’atletica piange la scomparsa di Loris Pimazzoni. Il fondista italiano è deceduto per un improvviso malore nella serata di venerdì 29 marzo 2019 all’età di 62 anni. Nella sua carriera sportiva ha indossato la divisa diverse squadre gloriose di questo sport, ottenendo diversi successi tra cui due titoli italiani.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Loris Pimazzoni
Loris Pimazzoni (fonte foto https://www.facebook.com/claudio800)

Chi era Loris Pimazzoni

Nato il 6 luglio 1956, Loris Pimazzoni si è avvicinato al mondo dell’atletica sin da giovane anche sei i suoi successi più importanti sono arrivati sotto la guida di un grandissimo allenatore come Gianni Ghidini. Il suo nome sarà ricordato per l’impresa compiuta nel 1983 ai campionati italiani. Il fondista nei 10.000 metri è riuscito a conquistare il suo primo titolo nazionale assoluto battendo in rimonta Alberto Cova e Francesco Panetta, i grandi favoriti per la vittoria finale. Un successo che ha scritto una pagina di storia di questo sport visto che è riuscito a ridurre un distacco non prevedibile durante la gara.

La sua scomparsa è ricordata anche dall’Atletica Riccardi Milano: “Ciao Loris e grazie delle emozioni vestite di verde che ci hai regalato”. Anche la FIDAL ha voluto esprimere le condoglianze: “Ai suoi familiari vanno le condoglianze del presidente Alfio Giomi, del Consiglio federale e di tutta l’atletica italiana“.

La morte di Loriz Pimazzoni segna la fine di un’epoca molto importante dello sport italiano. Nonostante non siano arrivati i successi internazionali nelle quattro esperienze avute con la maglia azzurra, il fondista ha conquistato due titoli italiani. Il primo con una grande impresa nel 1983 battendo al termine di una grande rimonta i favoriti Cova e Panetta. Un’impresa che sarà ricordata negli annali dell’atletica. Diversi ‘avversari’ sono pronti a dare l’ultimo saluto a Verona, la città che ha segnato parte della sua carriera.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/claudio800


Olimpiadi 2024, via libera per surf, arrampicata, skateboard e breakdancing

Pallanuoto, svanisce il sogno dell’Europa Cup per il Setterosa