E’ morto Joao Gilberto, uno dei padri della bossa nova. Il musicista brasiliano aveva 88 anni ed è deceduto sabato 6 luglio 2019.

ROMA – La musica internazionale piange la scomparsa di Joao Gilberto. Uno dei padri della bossa nova aveva 88 anni ed è morto nella serata italiana di sabato 6 luglio 2019.

Una scomparsa che lascia un vuoto importante in questo mondo visto che sicuramente il brasiliano è stato uno degli esponenti più importanti.

Chi era Joao Gilberto

Joao Gilberto Prado Pereira de Oliveira era nato a Juazeiro il 10 giugno 1931 sotto il segno dei gemelli. Cresciuto in una famiglia benestante, si è avvicinato al mondo della musica sin da piccolo suonando la chitarra in modo autonomo. Contemporaneamente cantava e proprio questa passione lo ha portato a Salvador dove ha ottenuto un discreto successo in programmi radiofonici.

Ma la sua carriera ha fatto fatica a decollare tanto che ad un certo punto ha messo da parte questa passione per un’esistenza marginale. Ma convinto da un amico cantante ha ripreso la carriera musicale trasferendosi a Porto Alegre.

Questi nuovi insegnamenti lo hanno portato a fondare la cosiddetta Bossa Nova. Una musica brasiliana conosciuta in tutto il mondo. E proprio Gilberto è stato considerato come uno dei maggiori esponenti di questo genere. Una lunga carriera che lo ha portato a pubblicare diversi album.

Joao Gilberto morto

La morte di Joao Gilberto è avvenuta nella serata di sabato 6 luglio 2019. Il cantante brasiliano aveva 88 anni ed è morto nella sua terra natìa. La famiglia ha mantenuto il massimo riserbo sulle cause del decesso ma saranno diversi i cantanti che nei prossimi giorni daranno l’ultimo saluto al cantante brasiliano.

Una scomparsa che lascia un vuoto importante nella bossa nova e soprattutto fa andare via uno dei padri di questa musica conosciuta in tutto il mondo.

Di seguito il video con una delle canzoni di Joao Gilberto

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

fonte foto copertina https://twitter.com/NoteVerticali

ultimo aggiornamento: 06-07-2019


La Germania è invasa dalle processionarie: è emergenza

Incendio Notre Dame, i mecenati promettono ma (ancora) non pagano