E’ morto all’età di 51 anni il regista John Singleton, il primo afroamericano a conquistare una nomination all’Oscar.

LOS ANGELES (STATI UNITI) – Il mondo del cinema piange la scomparsa del regista John Singleton. Il candidato al premio Oscar 1991 è deceduto a Los Angeles all’età di 51 anni per le gravi conseguenze dovuto ad un ictus che lo aveva colpito il 17 aprile 2019.

Una morte improvvisa che lascia un vuoto importante nel mondo del cinema con una persona che ha scritto pagine di storia di questo settore. E’ stato, infatti, il primo regista afroamericano a ricevere una candidatura per il premio Oscar senza però riuscirlo a vincerlo.

Chi era

John Singleton era nato a Los Angeles il 6 gennaio 1968 sotto il segno del Capricorno. Innata la passione per il cinema tanto da ricevere solo a 23 anni la candidatura al premio Oscar come migliore regista per il suo film d’esordio Boyz n the Hood. Un film che metteva alla luce un duro ritratto della sua città natale.

Nei primi anni della sua carriera ha continuato a trattare temi molto delicati come il razzismo oppure un delicato dramma al femminile. Negli anni 2000 Singleton ha deciso di cambiare genere, inserendosi nel circuito commerciale. Tra i lavori più importanti troviamo sicuramente il sequel di Fast and Furious e Four Brother-Quattro Fratelli. Dopo un piccolo stop ritorna sulla scena nel 2011 con il thriller Abduction. E’ questo il suo ultimo lavoro.

La morte di John Singleton

John Singleton è deceduto nella serata italiana del 29 aprile 2019. Il regista si trovava ricoverato in ospedale dal 17 aprile per un ictus. Le sue condizioni sono peggiorate qualche giorno dopo con la famiglia che dopo quattro giorni di coma ha preferito interrompere il supporto vitale per mettere fine alle sue sofferenze. Una morte che lascia un vuoto importante nel mondo del cinema internazionale.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/BellaNubiana

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
cinema esteri john singleton Stati Uniti

ultimo aggiornamento: 30-04-2019


Tragedia in Brasile, modello muore durante una sfilata

Isis, ritorna in video al-Baghdadi: attaccare la Francia in Mali e Burkina Faso