E’ morto all’età di 78 anni Tony Mendez. A lui e alla sua impresa in Iran è stato ispirato il film Argo di Ben Affleck.

FREDERICK (STATI UNITI) – Il cinema americano e non solo piange Tony Mendez. L’ex agente della CIA è morto all’età di 78 anni nella sua casa di Fedrerick. Negli ultimi anni il personaggio ispiratore del film Argo di Ben Affleck ha dovuto limitare le sue uscite pubbliche per il morbo di Parkinson, che gli è stato diagnosticato dieci anni fa.

Chi era Tony Mendez

Tony Mendez è stato uno degli agenti della CIA più importanti in tutto il mondo. Il suo nome è legato al salvataggio di alcuni diplomatici all’ambasciata statunitense di Teheran.

Era il 4 novembre 1979 quando alcuni militanti presero d’assalto la struttura con oltre cinquanta persone in ostaggio. Per liberarli i rapitori chiedevo l’estradizione di Mohamma Reza Pahlavi. Da qui ebbe inizio una lunga crisi internazionale tra i due Paesi.

Da quell’attacco sei membri del corpo diplomatico riuscirono a fuggire ma rimasero bloccati in Iran in attesa di avere il via libera, nascosti nell’appartamento canadese di Ken Taylor. Da qui il lampo di genio di Tony Mendez che per liberarli ha pensato di farli diventare dei fantomatici registi in cerca di una location per girare il film Argo. Un’idea vincente tanto che in pochi giorni con documenti falsi riuscirono a ritornare in America.

Una vicenda che ha attirato l’attenzione di diversi registi con Ben Affleck che alla fine ha deciso di fare un film su questa azione con lui stesso nei panni di Tony Mendez. Una pellicola che ha avuto successo tanto da vincere tre Premi Oscar tra cui quello come migliore film. Un nome quello dell’ex agente della CIA che resterà per sempre impresso nella storia americana.

fonte foto copertina https://twitter.com/kavandi_saeed

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
argo Ben Affleck Cia esteri Tony Mendez

ultimo aggiornamento: 21-01-2019


Iran, il capo dell’Aeronautica: siamo impazienti di eliminare Israele

Tensione Iran-Israele, colpiti obiettivi iraniani a Damasco