Morto un bambino per il morbillo. Gallera: “Solo l’immunità di gregge lo avrebbe salvato”

Il bambino di 6 anni – affetto da leucemia – si è spento questo pomeriggio a Monza per complicanze polmonari e celebrali dovuti al morbillo.

È morto questo pomeriggio all’Ospedale San Gerardo di Monza un bambino di 6 anni per “complicanze polmonari e celebrali dovuto al morbillo“. Era ricoverato dallo scorso 15 marzo perché affetto da Leucemia. Ad annunciarlo è stato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera che ha annunciato: “Solo l’immunità del gregge lo avrebbe salvato“.

Gallera ha annunciato: “Questo piccolo affetto da leucemia poteva essere salvato solo dall’immunità di gregge”.

Giulio Gallera ha spiegato: “La storia – dice – di questo piccolo affetto da leucemia è l’esempio di come la cosiddetta ‘immunità di gregge’ sia fondamentale per la protezione di coloro che, per la loro malattia o per lo stato di trattamento in cui si trovano, non sono protetti, anche quando fossero vaccinati dal morbillo così come da altre malattie infettive“. “Il piccolo – continua – era affetto da una Leucemia Linfoblastica Acuta, malattia che ovvi ha una probabilità di guarigione in oltre 85% dei casi con forme simili. In data 15 marzo, per il sospetto di infezione da morbillo è stato trasferito in terapie intensiva per il peggioramento progressivo del quadro polmonare con necessità di assistenza respiratoria“. “Ci tengo a sottolineare – conclude – come solo l’immunità di gregge, cioè la vaccinazione di oltre il 95% dei bambini, sia l’unica strada per tutelare soggetti immunodepressi o che hanno contratto malattie come nel caso del piccolo del San Gerardo, che per queste ragioni non possono vaccinarsi“.

Ricevi le ultime notizie in Real Time, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 22-06-2017

Francesco Spagnolo

X