Il caso è riaperto su Vittorio Senatore, il 16enne morto nel 2019 in seguito a un incidente sulla strada da Salerno a Cava de’ Tirreni.

Durante la notte del 15 settembre 2019, il 16enne Vittorio Senatore perde la vita a causa di quello che viene definito un incidente stradale. Avvenuto lungo la strada di Salerno, la famiglia chiede che venga fatta chiarezza su quello che in realtà sembra essere stato qualcosa di diverso. Ad oggi, vengono accusati tre ragazzi coetanei del ragazzo che potrebbero essere stati coinvolti nella tragedia.

Carabinieri
Carabinieri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La tragedia

Vittorio Senatore è il 16enne morto a Salerno mentre viaggiava in scooter il 15 settembre 2019. Secondo la famiglia però il giovane sarebbe rimasto coinvolto in qualcosa di più grave di un semplice incidente stradale.

Pochi giorni fa è stata riaperta l’inchiesta in accoglimento dell’istanza dei legali dei familiari, che da anni cercano la verità e di fare giustizia per il ragazzo. La madre di Vittorio, Monica Ferraro, ha dichiarato: “Lungo quella strada è successo qualcosa che ha fatto calare il silenzio sulla verità. Non si comprende se alla guida dello scooter ci fosse mio figlio o l’amico che era con lui“.

La tragedia è avvenuta lungo un tratto di strada tra Vietri sul Mare e Salerno. Dopo tre anni dall’accaduto, sembrerebbero risultare indagati tre amici coetanei di Vittorio che sarebbero stati con lui quella notte. Due di loro vedrebbero l’ipotesi di accusa di omicidio stradale, mentre il terzo quella del favoreggiamento. Secondo il medico legale, Vittorio sarebbe deceduto all’esito di un grave trauma da schiacciamento: potrebbe essere stato investito da un altro mezzo, forse una delle moto su cui viaggiavano gli amici che lo seguivano.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 04-10-2022


Denise Pipitone, si riapre la pista Rom

Liliana Resinovich, parla un’amica sull’omicidio