Moscovici: "L'Italia è un problema per la zona euro"

Moscovici: “L’Italia è un problema per la zona euro”

Moscovici bacchetta l’Italia: “È un problema nella zona euro. Deve essere un paese credibile, con un bilancio credibile”.

Intervenuto in conferenza stampa a Parigi, il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici ha parlato dell’Italia non nascondendo la sua preoccupazione per la condizione del nostro paese.

Moscovici: “L’Italia è un problema nella zona euro. Deve essere un paese credibile con un bilancio credibile”

L’Italia è un problema nella zona euro. C’è un problema che è l’Italia ed è proprio l’Italia il tema su cui mi voglio concentrare prima di tutto“, ha dichiarato Moscovici. “L’Italia deve essere credibile, con un bilancio credibile. Ho visto il ministro Tria venerdì pomeriggio a Vienna. Continuiamo a lavorare per una soluzione comune“.

Moscovici a Matteo Salvini: “L’Italia è il Paese che più di tutti ha beneficiato di flessibilità”

Moscovici ha poi criticato anche Matteo Salvini il quale, in occasione della tragedia del Ponte Morandi, aveva puntato il dito contro i contributi versati dall’Italia nelle casse dell’Unione europea: “Bruxelles non ha mai impedito all’Italia di realizzare gli investimenti e le infrastrutture necessarie. L’Italia è il Paese che più di tutti ha beneficiato di flessibilità“.

L’Italia – ha proseguito Moscovici – ha un nuovo governo, entrato in funzione, credo, da circa 100 giorni. L’Italia ha anche un nuovo ministro dell’Economia e delle Finanze con cui lavoro regolarmente, in un clima costruttivo. Spero che questo clima costruttivo prevarrà“.

Pierre Moscovici
Fonte foto: https://www.facebook.com/Confimprenditori/?tn-str=k*F

Moscovici: “Chiaramente non c’è Hitler, forse dei piccoli Mussolini”

Moscovici ha poi concluso il suo intervento parlando delle prossime elezioni europee e della crescita dei populisti: “Oggi c’è un clima che assomiglia molto agli anni ’30. Certo, non dobbiamo esagerare, chiaramente non c’è Hitler, forse dei piccoli Mussolini…“.

Fonte foto: https://www.facebook.com/Confimprenditori/?tn-str=k*F

ultimo aggiornamento: 13-09-2018

X