Moto GP, duello epico a Motegi: sotto il diluvio la spunta Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso e Marc Marquez danno vita ad una gara spettacolare. Vittoria per il forlivese e Mondiale riaperto.

chiudi

Caricamento Player...

MOTEGI – Andrea Dovizioso non affonda sotto la pioggia di Motegi, anzi vince e riapre il Mondiale. Il forlivese – come successo in Austria – riesce ad avere la meglio nel duello con Marc Marquez e va a trionfare sul circuito di Motegi. Le buone notizie  per i colori italiani non finiscono qui visto il terzo posto di Danilo  Petrucci e il quarto di Andrea Iannone. Alex Rins, Jorge Lorenzo, Aleix Espargaro, Johann Zarco, Maverick Viñales e Loris Baz chiudono la top ten. Giornata nera per Valentino Rossi che cade al quinto giro e si ritira.

Dovizioso e Marquez danno vita ad un duello spettacolare

Dovizioso e Marquez si predono la scena a Motegi. Dopo alcuni giri di studio, nel finale i due iniziano a sorpassarsi a vicenda. Il duello entra nel clou nell’ultima tornata quando il Dovi con una staccata micidiale alla curva 11 riesce a riportarsi in testa. Marquez ci prova subito dopo ma la Ducati regge andando a trionfare in Giappone.

Andrea Dovizioso (fonte foto Facebook)

Andrea Dovizioso riapre il Mondiale

Con il successo odierno Andrea Dovizioso (222) si porta a soli 11 punti da Marc Marquez (233) mentre rimane staccato Maverick Viñales (203). Appuntamento fra sette giorni in Australia.

Le dichiarazioni dei piloti

Andrea Dovizioso: “Oggi è stata una vittoria bellissima per tanti motivi. Anche io ero al limite e fino a metà gara cercavo di non  perdere contatto ma facevo fatica, non pensavo di vincere. Alla curva 11 era l’unica chance che avevo ed ho fatto una staccatona. Ora dobbiamo pensare alla prossima gara visto che per vincere il Mondiale dobbiamo avere la stessa velocità della Honda“.

Marc Marquez: “Oggi è stata una gara bellissima, con Andrea abbiamo lottato fino alla fine. Onestamente ho spinto 3 o 4 giri al 100% ma Dovizioso era sempre lì. Ora pensiamo all’Australia dove noi dovremmo essere più veloci“.