MotoGP, Andrea Dovizioso potrebbe fermarsi un anno. Per lui possibile un ritorno nel 2022.

ROMA – Un anno di stop per Andrea Dovizioso. Come riferito dal Corriere della Sera, il forlivese, nonostante il pressing della Yamaha e della Suzuki, dovrebbe fermarsi nel 2021 per poi provare a tornare nel 2022 da protagonista.

Le ipotesi sul tavolo dell’attuale pilota Ducati erano tante. La Yamaha e la Suzuki gli avevano proposto un ruolo di tester in attesa del 2022, mentre l’Aprilia aveva chiesto tempo per capire il futuro di Andrea Iannone. Il forlivese, però, sembra aver deciso per un anno sabbatico e capire cosa fare nel 2022. Non si esclude un ritiro, ma la sua intenzione sarebbe quella di rientrare da protagonista per cercare di conquistare il titolo.

Le ipotesi

Per il 2022 le ipotesi continuano ad essere diverse. La Suzuki valuta la possibilità di portare in MotoGP un nuovo team satellite. In questo caso il forlivese sarebbe uno dei candidati principali per andare ad occupare uno dei due posti e poi continuare come tester nelle stagioni successive.

Non è escluso un approdo alla Yamaha, chiamata a trovare il sostituto di Valentino Rossi. Il tempo per prendere una decisione definitiva c’è e per questo non sono previsti annunci nel giro di poche settimane.

MotoGP
MotoGP

La rottura con la Ducati

Nelle settimane scorse è stata annunciata la rottura tra Andrea Dovizioso e la Ducati. Il team di Borgo Panigale ha sempre sperato di poter continuare il rapporto con il forlivese, ma i problemi avuti durante la stagione 2020 hanno portato ad una separazione dolorosa.

Il suo posto nel team italiano è stato preso da Francesco Bagnaia. Il torinese andrà a fare coppia con Jack Miller. Una coppia che ha fatto molto bene in Pramac e la Ducati spera di riuscire ad ottenere i risultati ottenuti dalla squadra satellite. E il Mondiale continua ad essere in cima alla lista.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrea Dovizioso Ducati MotoGP motori

ultimo aggiornamento: 09-11-2020


MotoGP, il calendario provvisorio della stagione 2021

La Fiat Panda segna il record di vendite nel mese di ottobre