MotoGP Argentina: Il Prof Rossi dà lezione

MotoGP Argentina Il Professor Valentino Rossi sale in cattedra e dà lezione agli allievi dimostrando che il più grande è ancora lui. Marquez e Dovizioso non possono fare altro che imparare.

Sembrava un GP scontato, con Marquez che al via partiva a palla, salutava tutti e si involava verso l’ennesimo successo ed invece il “vecchio leone” si è concentrato quasi in preghiera davanti alla sua Yamaha. Forse gli ha chiesto se gli piacevano le gomme super dure che aveva scelto per lei. Poi ha abbassato la scura visiera del casco e si è estraniato dal mondo intero in attesa che si scatenasse l’inferno. E l’inferno c’è stato subito, Jannonne, con l’irruenza del giovane lupo affamato di gloria, gli ha dato una gran botta facendogli perdere un paio di posizioni, mentre Marc volava via, come da copione, inseguito dal Dovi.

Marc fa subito corsa a sé mentre alle sue spalle si scatena la bagarre tra le Ducati e uno scatenato Crutchlow con la Honda ben deciso a prendere il posto di Pedrosa. Della partita è anche Lorenzo con la Yamaha, ma alle sue spalle ecco Vale che ha già recuperato le posizioni perdute. Lorenzo tenta vanamente di tenerlo dietro. Poi il Professore inizia a studiare i giovani allievi. Li osserva, li stuzzica e li “infila” uno a uno con precisione chirurgica, è o non è “the Doctor”?

L’unico che cerca di tenergli testa è il Dovi. La sua Ducati va come un missile e lui oggi è in palla come non mai. Quando il Professore lo supera gli si attacca alla ruota senza mollarlo di un metro, poi però le gomme iniziano a deteriorarsi ed è costretto a lasciarlo andare. Marquez forte del suo vantaggio abissale vola sicuro verso la vittoria anche se pure le sue gomme cominciano a logorarsi.

Mancano 11 giri alla fine, Marc ha un vantaggio di 5 secondi, un’enormità. All’ottavo è sceso a 3. Rossi spinge come un forsennato, la moto lo asseconda, fa segnare il record della pista. Sembra di essere tornati indietro nel tempo, quando Vale e la sua Yamaha formavano una cosa sola, unica e imprendibile.

A quattro giri dalla fine il Professore è alle spalle dell’allievo prediletto, il suo erede. Si prepara a impartirgli una clamorosa lezione. È una lotta tra leoni dura e maschia, senza esclusione di colpi. Un ultimo sorpasso e contro sorpasso carena contro carena, un lampo, la ruota anteriore della Honda impatta contro quella posteriore della Yamaha. Marc perde il controllo e finisce a gambe all’aria in un mare di scintille.

Peccato un finale al foto finish sarebbe stato più appagante e giusto per entrambi i valorosi gladiatori. Sarà per la prossima volta. Il Professore è tornato in cattedra, la lezione è appena cominciata.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 19-04-2015

Enzo Caniatti

X