Circuito da 80mila spettatori a Madrid. La pista nei prossimi mesi dovrà essere omologato da Dorna e Fia.

MADRID (SPAGNA) – Un circuito da 80mila spettatori sta per nascere a Madrid. La quinta pista spagnola è ormai cosa certa, da capire solo le tempistiche. Il progetto è ormai pronto e nelle prossime settimane inizieranno i lavori per completare il prima possibile il circuito e ottenere l’omologazione.

Il nuovo circuito

Come riportato da corsedimoto.com, il circuito nascerà a Morata de Tajuna, cittadina di circa 8mila abitanti. Un progetto che consentirà di creare molti posti di lavoro e soprattutto consentirà al turismo di crescere con l’arrivo di MotoGP e Formula 1.

Le tempiste non sono brevissime. La prima fase, infatti, prevede circa 10 mesi per pianificare il terreno, costruire la pista, i box e la torre di controllo. Successivamente si lavorerà all’ampliamento delle strutture, alla realizzazione di sale Vip e delle tribune. Il circuito potrà ospitare 80mila persone e non sarà pronto prima del 2025 o 2026. Si valuta anche la possibilità di creare un hotel, una stazione di servizio, un Museo del motociclo e un parcheggio da oltre 1.500 posti. Un progetto molto importante che porterà la Spagna ad avere sei circuiti e a dover fare una rotazione importante. Possibile una collaborazione tra MotoGP e Formula 1 per consentire a quattro dei sei circuiti di essere in calendario lo stesso anno.

MotoGP
MotoGP

La Dorna non convinta

Il nuovo circuito non sembra convincere pienamente la Dorna. Gli organizzatori della MotoGP stavano valutando la possibilità di ridurre le gare in Spagna per dare maggiore spazio anche ad altri Paesi. La creazione della nuova pista, però, costringerà la Dorna a rivedere i piani.

Sono sei i circuiti, infatti, per il Paese iberico e difficilmente ci potrà essere un solo Gran Premio a stagione. I ragionamenti sono in corso visto che per il circuito di Madrid servono ancora diversi anni prima dell’omologazione.


Formula 1, Ricciardo svela: “Ho firmato un triennale con la McLaren”

Auguri Marc Marquez. La vita ‘in sella’ del talento spagnolo