MotoGP, la conferenza stampa dei piloti alla vigilia del GP della Catalogna. Quartararo: “Sono migliorato molto quest’anno”.

BARCELLONA (SPAGNA) – La conferenza stampa dei piloti alla vigilia del GP della Catalogna, settimo appuntamento in MotoGP. Un appuntamento che potrebbe portare al definitivo allungo di Quartararo. “Siamo riusciti a migliorare molto […] – ha detto il francese riportato da SportMediasetquesto tracciato si adatta bene al mio stile di vita e sono molto fiducioso per questa gara. I margini di miglioramento non mancano e la squadra sta lavorando molto bene […]“.

Marquez: “Continuiamo a migliorare”. Mir: “Voglio fare bene nel GP di casa”

Marquez vuole il podio. “In Italia per me è stato un weekend complicato – ha detto il campione del mondo – in questa gara servirà maggiore feeling. Stando a casa ci si dimentica di quanto sia difficile guidare queste moto. Ora io devo trovare l’assetto più adatto al mio stile di guida […]“.

Marc Marquez
Marc Marquez

Per la vittoria in lotta anche Joan Mir: “Non vedo l’ora di scendere in pista, in questo Gran Premio corro in casa“. Una gara che non vedrà Alex Rins in pista. Lo spagnolo, infatti, durante un giro in bicicletta sul tracciato di Montmelò è caduto e si è fratturato un braccio. Non una buona notizia per l’iberico che stava cercando di provare a ripartire dopo alcune scivolate.

La Pramac rinnova con Zarco e Martin

L’altra notizia di giornata è sicuramente il rinnovo di Zarco e Martin con la Pramac. “Non ho pressioni extra – ha detto in conferenza stampa il francese – aver prolungato con il team mi dà maggiori motivazioni. Il quarto posto in Italia è stato un ottimo risultato. Ero al limite anche se sono certo che avrei potuto fare di più“.

Con il prolungamento dei due piloti inizia a delinearsi il roster della prossima stagione. 2022 che vedrà anche l’esordio di Remy Gardner con la KTM.


Formula 1, Leclerc: “Adoro Baku”. Hamilton: “L’ala? Non voglio creare nuovi titoli”

Crollo Ponte Morandi di Genova, chiuse le indagini. La Procura: “Castellucci parlava di rafforzare i tiranti nel 2010”