MotoGP, GP di Valencia a porte chiuse. L’impennata dei contagi in Spagna ha portato a misure più restrittive anche per le due ruote.

VALENCIA (SPAGNA) – MotoGP, il GP di Valencia a porte chiuse. L’aumento dei contagi in Spagna ha portato gli organizzatori a dover rinunciare la presenza del pubblico, almeno per questa edizione.

Due gare che si disputeranno nel silenzio del Ricardo Tormo. Una situazione che sembra ormai essere la normalità dei piloti. Un appuntamento decisivo per il futuro del Mondiale, visto che si potrebbe decidere il Mondiale. La speranza di tutti era quella di aprire le porte a parte del pubblico, ma il ritorno del virus ha portato gli organizzatori a dover rinunciare agli spettatori.

MotoGP, gli organizzatori: “Precedenza alla salute”

La decisione è stata confermata anche dagli organizzatori: “Sarà una situazione strana avere in pista i migliori piloti del mondo e non poter ospitare il pubblico – le parole di Gonzalo Gobert a El Mundo, riportato da formulapassion.itabbiamo fatto del nostro per portare qualche tifoso sulle tribune, ma la sicurezza e la salute di tutti sono requisiti fondamentali. Stiamo già pensando di poter offrire la migliore immagine possibile del circuito e della Comunitat Valenciana ai milioni di spettatori che ci seguiranno in televisione“.

GP Formula 1
GP Formula 1

MotoGP al lavoro per la prossima stagione

La MotoGP è al lavoro per la prossima stagione. Nei prossimi giorni è previsto un incontro tra i leader dei team per decidere il calendario. L’ipotesi è quella di ritornare al consueto calendario distribuito in otto mesi.

La speranza è quella di poter far disputare le gare nelle piste solite anche a porte chiuse. Sulla presenza del pubblico le decisioni saranno rimandate alle autorità locali. Decisiva l’andamento del coronavirus, con la seconda parte della stagione che potrebbe disputarsi con la presenza degli spettatori sugli spalti. Ma ancora è troppo presto per parlarne.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
gp valencia MotoGP motori News

ultimo aggiornamento: 15-10-2020


Coronavirus, la capienza dei mezzi pubblici resta l’80 per cento

Pit Bike: tutto quello che c’è da sapere su questo tipo di moto (molto in voga)