Andrea Dovizioso a Sky Sport: “Sono alla ricerca di un progetto serio. Mi sento ancora un pilota”.

ROMA – Andrea Dovizioso in un’intervista a Sky Sport non chiude la porta alla Honda. Dopo l’apertura arrivata dall’agente, anche il pilota forlivese continua a tenere aperta la possibilità di prendere il posto di Marc Marquez: “Dipende da cosa mi propongono – ha ribadito l’ex Ducati, riportato dal Corriere dello Sportnon si tratta di una semplice chiamata. Ci deve essere l’interesse da parte di tutte e due“.

“Sono abituato a fare le cose per bene”

Andrea Dovizioso è in attesa di una chiamata: “Io sono aperto ad ogni situazione. In questo momento sono alla ricerca di un posto a tutti i costi. Mi interessano solo progetti di un certo tipo. Se ci sarà la possibilità di tornare in MotoGP nel 2021 o nel 2022 sarò il primo a essere contento nel parlarne, altrimenti non c’è nessun problema

La Honda, comunque, ci pensa soprattutto in caso di tempi di recupero più lunghi per Marquez: “Se dovesse esserci un’idea anche per il 2022, sarò il primo ad essere contento. Sono abituato a fare le cose per bene. Se c’è voglia e intenzione da entrambe le parti se ne può parlare. Non sto cercando semplicemente di correre in MotoGP, altrimenti lo avrei fatto in un modo diverso“.

MotoGP
MotoGP

“Mi sento ancora in pilota”

Il forlivese ha rifiutato molte offerte come collaudatore: “Sinceramente non mi sentivo pronto di fare il collaudatore – ha ammesso Dovizioso – con questo non voglio sminuire quel ruolo, però mi sento ancora un pilota e, in questo momento particolare, un pilota di motocross“.

Da parte di Dovizioso nessuna chiusura ad un ritorno immediato in pista. L’unica possibilità resta quella della Honda. Molto dipenderà dalle condizioni di Marc Marquez e dai tempi di recupero dello spagnolo.


Formula 1, la Mercedes 2021 si chiamerà W12

Runflat, gli pneumatici che funzionano anche se bucati: tutte le informazioni