Andrea Dovizioso in Honda, pista aperta. Battistella: “Una chiamata a spot per conoscerci con quella moto direi di sì”.

ROMA – Andrea Dovizioso in Honda nel 2021? Il pilota forlivese non chiude la porta ad un ritorno immediato in MotoGP. Dopo la fine del rapporto con la Ducati, l’atleta ha deciso di prendersi un anno di stop per valutare bene le scelte.

Uno scenario che potrebbe cambiare nelle prossime settimane. Il rientro di Marquez non è ancora certo e il forlivese potrebbe essere il nome giusto per il sostituto.

L’agente di Dovizioso apre alla Honda

L’apertura alla Honda è arrivata dall’agente di Andrea Dovizioso: “Alla Honda stanno valutando le condizioni di Marquez – ha detto Battistella, riportato da corsedimoto.comsecondo me hanno giustamente paura di sbagliare in una situazione così delicata. Il prossimo mese sarà cruciale per le loro decisioni. Da parte nostra abbiamo bocciato tutte le proposte da collaudatori per essere libere e fare altro, ma anche per essere pronti a tornare sulla griglia di partenza […]“.

Le porte non sono chiuse: “A pensarci bene a una chiamata inizialmente a spot per conoscersi e capire come va Andrea con quella moto direi di sì. Parliamo di una moto vincente e di un pilota che in Qatar è sempre andato tanto forte. L’abbinamento incuriosirebbe tifosi e non“.

MotoGP
MotoGP

Le condizioni di Dovizioso

Le condizioni di Dovizioso sono buone. “Andrea si sta allenando per il motocross a livello amatoriale – ha ammesso Battistella – ma lo sta facendo con la stessa intensità come se fosse nel bel mezzo della preseason della MotoGP. Lavoreremo quest’anno per tornare di nuovo nel 2022“.

Non è escluso, però, un ritorno in anticipo con la Honda che continua ad essere una delle possibilità. Nelle prossime settimane ne sapremo di più, molto dipenderà dalle condizioni di Marc Marquez. E Losail si avvicina sempre di più.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/hondaracingcorporation/


Formula 1, Wolff: “Siamo al lavoro per il rinnovo di Hamilton. Ho avuto il Covid”

Sistemi Adas per auto: come funzionano e quali sono?