MotoGP: Mammamia che Vale!

Nella prima gara della MotoGP trionfo italiano. Torna a vincere Valentino Rossi con la Yamaha. Con lui salgono sul podio due ducatisti: Andrea Dovizioso e Andrea Iannone.

chiudi

Caricamento Player...

MotoGP, prima gara in Qatar, si corre di notte con la pista illuminata a giorno. Nonostante la terribile concentrazione per la corsa ha avuto il tempo di twittare «Mammamia che Ferrari! Poi è salito in sella alla “sua” Yamaha, ha abbassato la visiera ed è tornato… il Dottore o meglio il Professore. Proprio come un Professore Valentino Rossi ha insegnato ai suoi giovani allievi, Andrea Dovizioso (classe 1986) e Andrea Iannone (classe 1989) come si può ancora vincere in età (per un pilota) da pensione. A 36 anni suonati, il Vale nazionale ha fatto vedere a tutti che il più grande è ancora lui. Il giovane lupo Marc Marquez, nonostante i suoi titoli mondiali e l’investitura a suo successore, questa volta è rimasto a fauci asciutte. È vero una spallata alla prima curva con deviazione sull’erba lo ha costretto a remare come un matto per riuscire a risalire al quinto posto, ma con un Rossi così in palla anche il campione del mondo in carica avrebbe avuto difficoltà a stargli davanti. Lo sa bene il compagno di squadra ed eterno rivale Jorge Lorenzo che alla fine ha dovuto lasciarlo andare. Vale ha fatto una corsa magistrale: al primo giro è risalito dal decimo posto sino ad entrare in battaglia con il gruppo di testa. Poi ha cominciato a dare lezione e… come dice Meda nelle sue celebri telecronache “tutti in piedi sul divano”.

A resistere a una simile furia ci hanno provato solo altri due italiani in sella alla Ducati quella che da sempre è considerata la Ferrari delle due ruote. A Borgo Panigale hanno fatto miracoli e il Dovi si è trovato tra le mani la moto che aveva sempre sognato, capace di consentirgli di battersi ad armi pari con i grandi e di dimostrante che lui tra quei grandi merita di esserci. Ha duellato a lungo, ma poi il Professore ha fatto valere la forza della sua esperienza nel corpo a corpo. Altro straordinario protagonista è stato Andrea Iannone che ha meritato appieno di conquistare il primo podio in carriera dopo aver combattuto duramente con i primi della classe. Risultato sul podio di Losail sono saliti tre italiani, una tripletta che mancava da 9 anni, dal GP del Giappone 2006 con Capirossi, Rossi, Melandri.

Che dire, se il mondiale inizia così prepariamoci a passare il tempo “in piedi sul divano”.

L’incredibile domenica dei motori italiani è iniziata con la strepitosa vittoria della Ferrari con Vettel nel GP di F1 in Malesia. Se il buon giorno si vede dal mattino…