MotoGP, Marc Marquez non ci sarà al GP di Stiria. La Honda schiererà ancora Stefan Bradl al suo posto.

SPIELBERG (AUSTRIA) – Marc Marquez non ci sarà al GP di Stiria. Le speranze di rivederlo in pista in Austria si sono spente al termine del primo appuntamento di Spielberg con la Honda che ha preferito non accelerare i tempi di recupero del campione del mondo.

Nelle prossime settimane si valuterà il rientro anche se la pausa prevista dopo questo appuntamento consentirà allo spagnolo di ritornare a gareggiare già in Italia. Una gara che si preannuncia sicuramente difficoltosa per l’iberico chiamato ad una grande rimonta per cercare di conquistare il nono titolo mondiale.

Inizio di stagione sottotono per la Honda

Non è stato un inizio di stagione semplice per il team giapponese che con l’infortunio di Marquez non ha avuto la possibilità di lottare per la vittoria. La speranza è quella di una seconda parte di Mondiale sicuramente diversa con l’obiettivo di ottenere più successi possibili anche per quanto riguarda il titolo costruttore.

La squadra nipponica, comunque, è già al lavoro per la prossima stagione con Marquez che dovrebbe cambiare il proprio compagno di squadra. Alex non ha convinto e al suo posto dovrebbe arrivare dalla Ktm Pol Espargaro.

Marc Marquez
Marc Marquez

In Austria ancora Bradl

Per l’appuntamento in Stiria in pista scenderà ancora Stefan Bradl che sta in queste gare sta accumulando dati importanti per il futuro. “E’ stato un fine settimana difficile – ha detto dopo il primo GP in Austria il pilota tedesco riportato dal Corriere dello Sportnon abbiamo avuto la velocità di cui avevamo bisogno, ma abbiamo testato molti pezzi […]. In ogni caso, abbiamo imparato molto da questo weekend e vedremo cosa succederà il prossimo, quando sarò di nuovo in sella alla mia RC213V“. Un nuovo appuntamento per valutare i progressi della moto.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
gp stiria 2020 Marc Marquez MotoGP motori

ultimo aggiornamento: 18-08-2020


Ferrari, Charles Leclerc: “Il nostro non è un pacchetto generale forte”

Formula 1, la Fia vieta le mappature da qualifica