MotoGP, i numeri del 2019: dominio di Marc Marquez

MotoGP, i numeri del 2019: dominio di Marc Marquez. Record di cadute per Zarco

MotoGP, i numeri del 2019. Marc Marquez domina tutte le classifiche. L’unico primato non ottenuto è quello delle cadute.

ROMA – MotoGP, i numeri del 2019. La stagione dell’ottavo titolo iridato è stata dominata da Marc Marquez che non ha lasciato spazio agli avversari. Primo posto in tutte le classifiche ‘speciali’ per lo spagnolo che è stato battuto solamente nelle cadute con Johann Zarco che in questo caso si è preso il triste primato.

Un ciclone iberico si è abbattuto nelle due ruote con un dominio che non sembra essere finito qui visto che molto presto ci potrebbero essere ulteriori record da battere.

MotoGP, i numeri del 2019

I numeri della stagione appena trascorsa parlano chiaro: Marc Marquez è l’assoluto dominatore del 2019. Lo spagnolo ha conquistato 12 vittorie su 19 Gran Premi in programma. Solo 2 quelle per Andrea Dovizioso, Alex Rins e Maverick Vinales con un successo per Danilo Petrucci.

Lo spagnolo ha ottenuto anche 18 podi, doppiando Andrea Dovizioso che si è fermato a nove in seconda posizione. 10, invece, le pole position ottenute e anche in questo caso una stagione a senso unico visto che il secondo, Quartararo, ne ha ottenute sei. Finisce qui? No, Marquez domina sia nei giri percorsi che in quelli al comando con quest’ultimo dato che spicca più di tutti. Sono 264 le tornate completate davanti a tutti rispetto alle 73 di Fabio Quartararo.

Marc Marquez Valencia
fonte foto https://www.facebook.com/MotoGP/

Nelle cadute ‘domina’ Zarco

L’unica classifica che non vede Marc Marquez dominare è quella delle cadute. In questa graduatoria lo spagnolo si è fermato in terza posizione, insieme a Francesco Bagnaia. In 14 occasioni l’iberico è finito a terra mentre meglio di lui hanno fatto Jack Miller (15) e Johann Zarco (17), che ha questo triste primato.

I numeri parlano chiaro con il campione del mondo che ha dominato la stagione. Con altri record che nei prossimi anni potranno essere battuti.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/MotoGP/

ultimo aggiornamento: 26-12-2019

X