La quarta giornata dei test invernali in Qatar. Maverick Vinales il più veloce. Morbidelli e Quartararo subito dietro.

LOSAIL (QATAR) – Maverick Vinales il più veloce nella quarta giornata dei test invernali di MotoGP in Qatar. Dopo un esordio un po’ complicato, lo spagnolo è riuscito ad trovare il giusto feeling con la moto chiudendo davanti al compagno di marca Franco Morbidelli e di squadra Fabio Quartararo. I tre sono staccati di un solo decimo.

In crescita anche Pecco Bagnaia. L’italiano con la sua Ducati ha completato la giornata in quarta posizione davanti ad un costante Aleix Espargaro. A completare la top ten le Suzuki di Mir e Rins, la Yamaha di Valentino Rossi (in ripresa dopo un inizio difficile), la Pramac di Johann Zarco e la Honda di Pol Espargaro.

Miller fuori dalla top ten

Per Jack Miller l’undicesima posizione dopo il miglior crono della giornata precedente. Il britannico ha completato 58 giri e il tempo più veloce lo ha firmato proprio nel suo ultimo tentativo.

In crescita anche Jorge Martin (quattordicesimo) ed Enea Bastianini (quindicesimo). Per i due il feeling con la moto sta crescendo e l’inizio del Mondiale potrebbe essere molto sorprendente. Continua, invece, l’adattamento di Luca Marini. In questa penultima giornata di test il fratello di Valentino Rossi ha completato in ventesima posizione.

Jack Miller
Le Mans (Francia) 19/05/2019 – gara Moto GP / foto Panoramic/Insidefoto/Image Sport nella foto: Jack Miller

Ultimo giorno di test

Attesa per l’ultimo giorno di test (in programma nella giornata di venerdì 12 marzo 2021). La Yamaha e la Ducati hanno confermato di essere in crescita e partiranno con i favori del pronostico nella prima tappa del Mondiale in Qatar.

Grande incertezza, invece, in casa Honda. Marc Marquez potrebbe scendere in pista a Losail, ma i dubbi sulla sua prestazione restano diversi. Per Pol Espargaro i test hanno confermato un buon feeling, ma serve qualcosa di più per competere per il podio.


Formula 1, test Bahrain: le line-up dei team

Le auto di Gianni Agnelli: dalle Ferrari alle “istituzionali” Fiat