A rischio i test invernali di MotoGP in Qatar. Ipotesi Jerez de la Frontera e inizio del Mondiale a Portimao.

LOSAIL (QATAR) – I test invernali di MotoGP in Qatar sono a forte rischio. Dopo il no della Malesia per la pandemia, la Dorna potrebbe fare i conti anche con il passo indietro di Losail.

Secondo quanto riportato da The-Race.com, le autorità locali sarebbero intenzionate a non autorizzare la cinque giorni di prove (e di conseguenza anche la gara) per l’arrivo di 1.500 persone dall’Europa. I contatti sono in corso per trovare una soluzione.

Le altre ipotesi

Sono diverse le ipotesi sul tavolo della Dorna in caso di no del Qatar. E prende sempre più piede l’ipotesi di un inizio di Mondiale in Europa con i test invernali a Jerez de la Frontera e il via alla stagione a Portimao il 18 aprile.

Un quadro possibile che porterebbe ad un prolungamento del campionato oppure ad una riduzione del numero delle gare. La Dorna è al lavoro per cercare di trovare un’intesa con il Qatar. I contatti sono continui e nelle prossime settimane potrebbe esserci l’annuncio ufficiale.

MotoGP
MotoGP

La MotoGP è pronta a ripartire

C’è tanta voglia di ripartire in MotoGP. Chiusa una stagione caratterizzata dalla pandemia, i piloti non vedono l’ora di scendere in pista per divertirsi e divertire tutti gli appassionati.

Sarà un Mondiale, almeno nella prima parte, ancora una volta condizionato dall’emergenza coronavirus. Per vedere gli spalti pieni e weekend simili a quelli pre-Covid bisognerà aspettare la seconda fase del la stagione. Molto, però, dipenderà dall’andamento della campagna di vaccinazione. La speranza di tutto il circus è di ritrovare al più presto la normalità sia per rendere le gare maggiormente emozionanti che per consentire di far ripartire l’economia del Motorsport.

Le porte chiuse hanno portato importanti perdite alla Dorna. Trend destinato a continuare anche in questi primi mesi del 2021.


Chi è Stefano Domenicali, il CEO della Formula 1

Auto, in calo le immatricolazioni a gennaio