Tensione all’interno del Movimento 5 Stelle, c’è chi pensa alla scissione. Si guarda con fiducia al ritorno di Alessandro Di Battista.

L’alleanza con la Lega continua a non convincere i pentastellati al punto che nel Movimento 5 Stelle qualcuno starebbe pensando a una scissione. Il voto sul decreto Sicurezza Bis ha lasciato strascichi e il capitolo Tav potrebbe rappresentare la pietra tombale dello spirito originario del MoVimento.

Frattura nel M5S

Chi è vicino al mondo pentastellato parla di un Movimento spaccato in due con gli ortodossi del M5S che pensano alla scissione, stanchi dei compromessi raggiunti da Luigi Di Maio per provare a portare avanti un’alleanza deleteria e dannosa per i grillini.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Movimento 5 Stelle, c’è chi pensa alla scissione

L’ultimo episodio che testimonia la crisi è rappresentato dalle dimissioni di Bugani, che ha lasciato Luigi Di Maio. I due schieramenti nati in seno al Movimento sono chiari: da una parte c’è l’ala governista, intenzionata a proseguire l’esperienza di governo al fianco di Matteo Salvini nella speranza di riuscire a portare a casa quanti più successi possibile. Dall’altra parte ci sono i dissidenti o gli ortodossi, quelli che preferirebbero altri cinque anni all’opposizione pur di ritornare allo spirito originario.

Alessandro Di Battista
Fonte foto: https://www.facebook.com/dibattista.alessandro

Alessanrdro Di Battista l’alternativa a Luigi Di Maio

I dissidenti guardano con fiducia alla figura di Alessandro Di Battista, visto come naturale alternativa a Luigi Di Maio, leader sempre più solo al comando di un MoVimento che non lo riconosce più come la guida che lo ha portato a quello che doveva essere il trionfo: l’approdo al governo.


Salvini non si accontenta: “Toninelli non è all’altezza”. Poi rilancia: “Tav o crisi”

Lo scontro si sposta sul TAV, Di Maio: “Il provvedimento può essere fermato dal Parlamento”