Il governo istituzionale tra Movimento Cinque Stelle, renziani e Forza Italia potrebbe avere la maggioranza in Parlamento.

Continua a tenere banco l’ipotesi di un governo istituzionale che possa guidare l’Italia in tempo di crisi. L’idea nasce dal Movimento Cinque Stelle, che con i renziani e Forza Italia potrebbe avere la maggioranza in Parlamento.

Il governo istituzionale formato dal Movimento Cinque Stelle, dai renziani e da Forza Italia potrebbe avere la maggioranza

La strada è tutta in salita e ha già innescato un effetto domino in casa Pd. Matteo Renzi spinge per un’alleanza di necessità con il Movimento Cinque Stelle. Il fronte potrebbe reggere solo se l’ex premier dovesse riuscire a portare dalla sua un buon numero di fedeli. Questo scatenerebbe un terremoto in casa Pd che si ritroverebbe diviso già pochi mesi dopo l’inizio dell’era Zingaretti. Non proprio il massimo per il popolo dem.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Dubbio Forza Italia

La seconda incognita riguarda la posizione di Forza Italia. Matteo Salvini ha fatto sapere di essere pronto ad incontrare gli alleati di Centrodestra, ufficialmente per fare il punto sulla politica locale, dove il fronte è sempre rimasto compatto. In occasione del vertice il leader della Lega dovrà confrontarsi con Silvio Berlusconi. Resta da capire innanzitutto se il segretario del Carroccio vorrà unirsi nuovamente a Forza Italia, poi se il Cavaliere accetterà un ruolo di secondo piano nella grande alleanza del Centrodestra.

Se il fronte dovesse saltare, Forza Italia potrebbe remare contro la Lega e potrebbe decidere di supportare l’improvvisata coalizione anti-salviniana accettando di unirsi in un governo istituzionale che possa reggere il paese fino a nuove elezioni.

Al momento FI sembra schierata dalla parte di Salvini, come testimoniato dalla posizione di Casellati che alla capigruppo del Senato sembra intenzionata a supportare la Lega per votare la mozione di sfiducia a Conte prima di Ferragosto. Ma nulla è ancora deciso…


Renzi cerca la sponda del M5S (e prepara la scissione dal Pd)

Mozione di sfiducia a Conte, il Centrodestra forza la mano